LE MOTIVAZIONI DEL RIESAME SONO CHIARISSIME: LA PRODUZIONE DELL’ILVA VA FERMATA PERCHE’ E’ UN PERICOLO PER LA SALUTE

MARESCOTTI E MATACCHIERA: “E’ esattamente quanto sostenevamo noi. Non era difficile intepretare il testo in italiano del dispositivo del Tribunale del Riesame”

E, tuttavia, da parte di Vendola e di Clini, vi era un susseguirsi di dichiarazioni forse fatte appositamente per confondere le acque. Sembrava che non volessero capire. E’ stato penoso ed anche molto sgradevole vederli snaturare ed alterare i testi della magistratura.

E ora che è tutto chiaro, una volta per tutte, i lavoratori capiranno che il lassismo del mondo politico, soprattutto quello compiacente, ha generato questo stabilimento abnorme che fuma e inquina davanti alle nostre case in modo intollerabile per la salute. La fabbrica dei veleni, per tanto tempo nascosta, è ora lì, e va fermata.

Ora l’AIA andrà rilasciata a impianti fermi e adottando solo le migliori tecnologie, sempre per chi nutra ancora la speranza, per noi a questo punto vana, considerando che un impanto di siffatte dimensioni e vicinanza alla città, possa essere mai ecocompatibile. Basta morti in nome del profitto e si lasci spazio alla bonifica dei suoli, una operazione gigantesca che potrà dare lavoro a migliaia di operai.

Alessandro Marescotti – Peacelink
Fabio Matacchiera – Fondo Antidiossina Taranto Onlus

Lascia un commento