Category Archives: QUOTIDIANO

MAX GAZZÈ “QUINDI? TOUR”

A Lecce il cantautore romano anticiperà alcuni inediti del prossimo album

Sale l’attesa per il ritorno nel Salento di Max Gazzè che venerdì 20 luglio farà tappa a Lecce in piazza Libertini con il suo “Quindi? Tour”, tournée che da più di un anno sta girando i palchi d’Italia riscuotendo ovunque un grande successo. Dopo circa 200 date da nord a sud, il cantautore romano, contemporaneo “chansonier de geste”, compositore e attore esordiente in “Basilicata Coast to Coast”, prosegue sotto i migliori auspici il lungo tour che, dopo l’enorme richiesta, ha aggiunto nuovi appuntamenti a un già fitto calendario di concerti. «Il Salento è una terra che amo molto», dichiara l’artista «perché è un posto dove mi sento molto a mio agio. È uno dei luoghi dove vado a suonare più volentieri. Il Salento è una terra artisticamente molto viva e ricca di ispirazioni, un po’ come è stata la Costa Azzurra per i pittori che ne coglievano la luce, le atmosfere, i paesaggi, i colori».

LETTERA DELLA MADRE DI FEDERICO ALDROVANDI AL NOSTRO GIORNALE

Caro direttore, cari amici,

I poliziotti che hanno massacrato di botte e ucciso mio figlio 18enne Federico Aldrovandi non andranno in carcere e sono ancora in servizio. Vi prego di unirvi a me per chiedere una legge forte contro la tortura che faccia pagare le forze dell’ordine per i reati commessi e prevenga omicidi come questo. Firma la petizione – la consegnerò direttamente nelle mani del Ministro degli Interni non appena raggiungeremo le 100.000 firme.

C’è un solo modo per evitare ad altre madri quello che ho dovuto soffrire io: adottare in Italia una legge contro la tortura. La morte di mio figlio non è un’eccezione: diversi abusi e omicidi commessi dalle forze dell’ordine rimangono impuniti. Ma finalmente possiamo fare qualcosa: alcuni parlamentari si sono uniti al mio appello disperato e hanno chiesto di adottare subito una legge contro la tortura che punirebbe i poliziotti che si macchiano di questi crimini. Per portare a casa il risultato però hanno bisogno di tutti noi.

TORRE OVO. SEMAFORI COLLOCATI SULLA LITORANEA. PARTE L’ESPOSTO-DENUNCIA AL MAGISTRATO

Alla Procura della Repubblica  presso il Tribunale di Taranto

A seguito della segnalazione di molti lettori del nostro giornale avente come tema la nuova installazione del semaforo collocato nella Marina di Torre Ovo, ed esattamente all’incrocio che si trova sulla litoranea che ha per direzione Trullo di Mare a destra mentre si scende e per direzione Piri Piri a sinistra. Detto semaforo è provvisto di foto camere del tipo LED, sistema che permette la rilevazione della velocità  e il non rispettare i segnali del semaforo. Quello che sta succedendo in questi giorni ha qualcosa di inverosimile, o meglio viene dato il segnale verde alle macchine che vengono da destra (Trullo di mare) in contemporanea alle macchine che vengono da sinistra (Piri Piri). Entrambe le direzioni di queste macchine, a salire verso Torricella, urtano il segnale verde che dà il via libera ai pedoni.  Compensibilissimo l’intasamento che si crea e le code di macchine che si formano correndo il rischio, serio, di travolgere qualche pedone. La cosa che a molti lettori del mio giornale risulta stranissima è questa: le fotocamere del sistema LED riprenderanno senz’altro le auto che, magari sono passate al semaforo con il verde, e che di seguito si trovano incolonnate mentre accende il semaforo rosso. Quindi alla luce di tutto questo molti automobilisti si troveranno a ricevere  multe, e tolti i punti dalla patente, senza che gli stessi abbiano commesso l’infrazione.

 

CRISI DEL CALCIO TARANTO. IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE

L’Aps Fondazione Taras 706 a.C. continua a lavorare incessantemente per la soluzione della crisi del calcio tarantino.

Pur nel silenzio che la cautela e la discrezione impongono, la Fondazione Taras si spende, da settimane, in un intenso lavoro di mediazione e costruzione di contatti utili per restituire alla città di Taranto una degna espressione calcistica.

DROGA CONTAMINATA DALL’ANTRACE. E’ ALLARME

A partire dal 10 luglio 2012, sono stati segnalati altri due nuovi casi di antrace tra i consumatori di stupefacenti in Danimarca e Francia oltre ai tre casi in Germania. Questi nuovi episodi si sono manifestati contemporaneamente tra l’inizio di giugno 2012 e l’11 luglio 2012. Un paziente in Danimarca è morto l’8 luglio. Queste nuove informazioni sono state fornite dall’ECDC e l’ Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) che hanno elevato lo stato di allerta. I primi due casi accaduti in Germania sono probabilmente collegati tra loro attraverso l’esposizione di eroina contaminata da un ceppo identico di anthracis Bacillus. Il terzo caso tedesco non può essere confermato anche se ci sono anche alcune prove di laboratorio che il ceppo potrebbe essere identico al ceppo iniziale. Il collegamento dei due casi restanti, anche se è probabile, deve essere confermato tramite tipizzazione molecolare.

IN APPENNINO, SULLE TRACCE DI FRANCESCO GUCCINI

Conosco bene gli odori e le sensazioni, i volti, le storie e i personaggi narrati, cantati e descritti in numerose canzoni e nei libri da Francesco Guccini. Sono odori, sensazioni, volti, storie e personaggi dell’Appennino tosco-emiliano, una terra da vivere e amare. Conosco (e amo) tale terra perché mia madre e i miei nonni sono emiliani dell’appennino modenese, di Montecreto, Poggio Raso e Sestola e le estati passate in quelle zone sono per me foriere di tutto questo.

QUANTA PASTA MANGIANO GLI ITALIANI?

Il consumo pro capite è di 28 kili. La Basilicata, la regione “più pastaiola”

La pasta torna a essere, nel pieno della crisi, un prodotto di punta nella nostra alimentazione tanto che nel 2012 si è registrato un aumento nelle vendite pari al 4,7 per cento.
Nel 2011 il consumo pro capite è stato di 28 chili, con una punta di 44 kg, sempre pro capite, divisi per i 365 giorni dell’anno, fanno 76 grammi al giorno, la quantità minima di un piatto di spaghetti. Quindi, gli italiani mangiano la pasta tutti i giorni, almeno una volta al giorno. Secondo le, associazioni di categoria che riuniscono le industrie produttrici, si tratta comunque di una quantità elevata.
Sarà che per noi italiani la pasta è sinonimo di casa. Sarà che una mamma che lavora e non ha tempo di cucinare, con un piatto di pasta se la cava sempre. E magari trova più soddisfazione da parte del figlio.

VENERDI’ 20 LUGLIO, ALLE 22 E 30, THE BURNING LAMP SI ESIBIRA’ IN UN TRIBUTO A JIMI HENDRIX PRESSO L’AMERICAN BAR “LUCKY MOMENT” A MARINA DI LEPORANO (TA)

Jimi Hendrix, nato a Seattle nel 1942, è stato senza dubbio il più grande innovatore e genio della storia della chitarra elettrica. Autodidatta e mancino naturale, durante la sua breve vita ha stravolto la concezione dello strumento introducendo moltissime novità, prima tra tutte il feedback.  Il suo stile, la sua naturalezza e la sua mimica sono le più copiate dai chitarristi di tutte le generazioni ci riferisce Francesco Festinante, anche lui  autodidatta  alla chitarra. Sicuramente tra i suoi album va ricordato “Are you experienced” ricco di canzoni memorabili e “Electric Ladyland” in cui prevale la sperimentazione.

ALCOL TEST: UN GIOVANE ASTEMIO POSITIVO ALL’ESAME A SEGUITO DI CONTAMINAZIONE

È costituzionale l’art. 186 bis comma 2 del Codice della Strada Legge che prevede sanzioni a seguito del rilevamento di tasso alcolico nel sangue anche di valore infinitesimale purché superiore allo 0? Presentata questione di legittimità costituzionale a seguito di un ricorso di un giovane astemio ma che per una probabile contaminazione, gli è stato riscontrato 0,09 g/l di alcol nel sangue.

È giustissimo punire severamente chi si mette alla guida dopo aver bevuto, ma è assolutamente ingiusto ed incostituzionale, colpire chi probabilmente non per colpa sua, magari per la contaminazione della siringa che effettuava il prelievo per l’alcoltest o per altri fattori indipendenti dalla volontà, non ne ha toccato neanche un sorso e gli tocca pagare una sanzione salata pur essendo completamente sobrio anche con un tasso di rilevamento prossimo allo 0 g/l ma infinitesimamente superiore. A sostenerlo è Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”.

TARANTO: NON SOLO SCAZZI, SERRANO E MISSERI

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Libertà di stampa violata ed adozione di atti intimidatori e persecutori per chi ha il coraggio di raccontare la verità

Antonio Giangrande, il noto scrittore di Avetrana, accusato di violazione della Privacy, il 12 luglio 2012 è stato assolto con la formula più ampia: per non aver commesso il fatto. Una sentenza che crea un precedente nel campo della libera informazione.

E’ stato assolto dal giudice onorario della sezione distaccata di Manduria, avv. Frida Mazzuti, su richiesta del Pubblico Ministero Onorario avv. Gioacchino Argentino. E’ stato disposto, altresì, il dissequestro del sito web d’informazione inopinabilmente oscurato per anni dalla magistratura brindisina e tarantina.

MARUGGIO. ARCI ” PAISA’ ” E “ABOUT MUSIC” DANNO IL VIA ALLA SESTA EDIZIONE DELLA “FESTA DELLA MUSICA”

Raffaele Casarano e ospiti da “Sud Sound System” e “Après La Classe” il 20 luglio

L’associazione Arci “Paisà” di Maruggio è lieta di invitarvi alla “Festa della Musica” 2012, evento giunto alla sua sesta edizione e realizzato in collaborazione con l’associazione culturale “AboutMusic” e il patrocinio del Comune di Maruggio.

Venerdì 20 luglio a partire dalle ore 21.00, presso il parco comunale della scuola materna “C. Collodi” a Maruggio (TA), ospiti attesissimi saranno il sassofonista Raffaele Casarano, Terron Fabio, vocalist e dj dai Sud Sound System e Combass, bassista degli Après La Classe.

Compito di Terron Rebel Sound e BiFa è quello di riscaldare la platea e dare il benvenuto a una line-up d’eccezione.

Seguono i Locomotive Percussion Afrobeat – Alessio Monteduro, Tiberio Pati, Umberto Summa e Antonio Tau – che propongono frenetici ritmi tribali, contaminando la notte con le travolgenti musiche africane.

Lo show continua con l’ingresso di Raffaele Casarano che, reduce da un tour in Zimbawe alla scoperta di nuove sonorità, accompagna le percussioni con  le note del suo sassofono.

IN CORSO EPIDEMIA DI COLERA A CUBA. RISCHI POTENZIALI PER I VIAGGIATORI EUROPEI

Il 3 luglio il Ministero cubano della salute ha confermato un’epidemia di colera nel sud-ovest città di Manzanillo. È la prima volta in quasi 150 anni che un’epidemia di colera è segnalata nell’isola. Pesanti piogge e le temperature elevate durante le settimane precedenti hanno probabilmente influenzato l’insorgenza della malattia.

EQUITALIA NON PAGAVA. PIGNORAMENTO A GALLIPOLI

Chi di pignoramento ferisce, di pignoramento perisce. È difficile evitare una citazione del genere, in qualche modo approssimativa, ma sicuramente appropriata al caso: un creditore ha pignorato 4mila euro «ad» Equitalia.

Proprio così: la «regina» delle esazioni di imposte, tasse, affini, annessi e connessi, è diventata destinataria della visita dell’ufficiale giudiziario. Può suonare come un «risarcimento morale» per i contribuenti che hanno sovente lamentato riscossioni troppo «minacciose»? Chissà. Certo è che risulta difficile guardare alla vicenda senza un pizzico (almeno) di sarcasmo.

CALDO, SOLE E BAMBINI. I PEDIATRI SCONSIGLIANO DI METTERE LA PROTEZIONE SOLARE SUI BAMBINI COSI’ COME DI ESPORLI AI RAGGI SOLARI SPECIE NELLE ORE PIU’ CALDE

Lo “Sportello dei Diritti”, inoltre, raccomanda ai genitori di non lasciare mai i bambini soli  in macchina: è alto il rischio del colpo di calore

I bambini non dovrebbero mai procurarsi scottature, perché la protezione naturale della pelle dai raggi UV si sviluppa soltanto nel corso dei primi anni di vita.

VACANZE IN TEMPO DI CRISI. TORNA LA MODA ANNI ’70 DEL VIAGGIO ON THE ROAD

Gli italiani si riscoprono autostoppisti e utilizzano i siti specializzati per la ricerca di passaggi

Tempo di vacanze e degli esodi dei vacanzieri che, alla luce degli indici rilevatori delle prenotazioni quale conseguenza della crisi economica, saranno assai ridotti rispetto al passato, anche se qualche milione di italiani non rinuncerà alle proprie vacanze spostandosi su e giù per lo Stivale ma anche all’estero.

TORRE OVO. QUANDO L’UTENTE PAGA I SERVIZI SENZA AVERLI!

Da oltre due anni il Comune di Torricella, in accordo l’AQP, ha dotato tutto l’abitato della Marina di Torre Ovo dell’impianto fognate pubblico. Era ora. E quindi sono due anni che i residenti estivi di questa marina pagano il servizio fognante, attivissimo.

Da due anni arrivano le bollette, oltre al primo pagamento dell’allacciamento che è costato circa 1200,00 per ogni utente, e quindi per l’impianto fognante pubblico è cosa fatta. Ma inverosimile manca l’acqua potabile e quindi il liquame che viene sversato nelle condotte della fogna pubblica è soggetto ad un pagamento forfettario e non quantificabile. In tutti i Comuni d’Italia, nel momento in cui c’è un impianto fognario marcia di pari passo la fornitura dell’acqua potabile. Questo perchè, in base al consumo dell’acqua, si determina la quantita di liquame che viene sversato. Ma a Torre Ovo no. Questo non esiste. Anzi, ancora più grave è sentire e vedere questo: assieme alla bolletta del servizio pubblico fognario vi è una voce che dice CONSUMO DI ACQUA! La domanda viene logica: come si fa a pagare, o meglio a far pagare, un servizio che l’utente non ha? In settimana prepareremo un dossier su questo e invieremo il tutto alla Procura della Repubblica per la valutazione del caso.

TORRE OVO. STORIA DI ORDINARIA FOLLIA

Sabato 14 luglio, ore 14.30. Quest’auto è parcheggiata in questo modo: ostruisce il passaggio pedonale e l’uso del marciapiede ai pedoni.

Per circa tre ore nessun vigile si trova nei paraggi. Ore 17.30, tutto d’un botto arriva un auto della Polizia Municipale di Torricella con due vigilesse dentro. Tranquillamente escono dall’auto e cominciano a multare le auto in divieto di sosta, giustamente. Mi reco da loro e gli dico se hanno visto quell’auto, ad un raggio di 100 metri, che ostruisce tutto quello che può. Va bene mi dicono. Dopo due ore, da questa loro affermazione, vedo che l’auto è stata fatta togliere. Avranno fatto la multa e tolto i punti alla patente all’autista indisciplinato? Oggi chiederemo al Comando dei Vigili urbani di Torricella, per iscritto,  se l’auto in questione è stata sanzionata. Vedremo …

SALUTE E DIABETE: I PRODOTTI DI BELLEZZA CHE CONTENGONO FTALATI AUMENTANO IL RISCHIO DI DIABETE NELLE DONNE. ATTENZIONE A CREME E SMALTI

Le sostanze chimiche nei prodotti di bellezza e cura personale quelle che contengono ftalati, sostanze chimiche endocrino-distruttive oggetto di controversie ormai da anni perché sospettate di provocare danni all’apparato riproduttore, al fegato e ai reni, possono aumentare il rischio di diabete nelle donne.

Da oggi c’è una sicurezza in più: uno studio del Brigham and Women’s Hospital, pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, dimostra un’associazione tra l’aumentata presenza di ftalati nell’organismo e un rischio accresciuto di sviluppo di diabete nelle donne.

UNA PIANTA VELENOSA DEL GARGANO, DIFFUSA NELLE NOSTRE MACCHIE MEDITERRANEE, CURA IL CANCRO ALLA PROSTATA

Il principio attivo può essere utilizzato per dimezzare le dimensioni del carcinoma prostatico in solo un mese. Lo rileva uno studio americano pubblicato su Science Translational Medicine.

Buone notizie per gli ammalati di tumore alla prostrata. Una pianta può dimezzare le dimensioni del carcinoma prostatico addirittura in un solo un mese. Lo rileva uno studio condotto dal Johns Hopkins Kimmel Cancer Center e pubblicata su Science Translational Medicine condotto insieme ai colleghi dell’Università del Wisconsin e del Texas-San Antonio. La pianta è’ la Thapsia garganica o anche firrastrina comune, finora nota perché contenente una sostanza in grado di uccidere gli animali che provavano a mangiarla.

FRAGAGNANO. COME FAR RIDERE I POLLI CON UN SEGNALE CHE STA DA OLTRE TRE ANNI IN QUESTO MODO!

Sono ben tre anni che questo segnale sta collocato in questo modo, molto probabilmente prima era coperto, ma è passato tanto tempo e sta ancora in questo modo. Questa mattina, alle 11.00, mi sono fermato per fotografarlo e metterlo all’attenzione di chi è preposto al controllo della segnaletica sulla strada provinciale. Per puro caso c’era una autovedetta di colore bianco dell’ANAS che faceva alcuni rilievi nella zona e ho chiesto a loro di chi fosse la responsabilità di questo segnale o meglio di chi avrebbe dovuto vigilare sull’uso corretto della segnaletica sulle nostre strade interprovinciali. I due addetti dell’ANAS hanno chiesto solo un minuto per verificare, sul loro computer, quale Ente era tenuto a ciò. Sorpresa: è di competenza del Comune di Fragagnano. Noi oggi, alla luce di questa affermazione dell’ANAS, inoltreremo una email al Comune di Fragagnano sollecitandolo a rimuovere questo insignificante, e ridicolo, segnale.