Category Archives: AMBIENTE

TARANTO. Festa dell’Albero al Parco del Mirto e a Marechiaro

Legambiente: “Serve un incremento costante degli spazi verdi. Al Comune chiediamo un piano di piantumazioni in città”. Doppio l’appuntamento con cui Legambiente ha celebrato la Festa dell’Albero

La Festa è cominciata, sabato 18 novembre alle ore 9, al Parco del Mirto a Paolo VI, dove – insieme ai volontari di Legambiente – erano presenti  l’assessore all’ambiente del Comune di Taranto, il dottor Rocco De Franchi, i bambini dell’Istituto comprensivo Sandro Pertini, i loro genitori, i loro docenti e la dirigente scolastica Daniela Giannico: sono stati messi a dimora  un orniello, un leccio, un albero di Giuda ed alcune essenze aromatiche.

MANDURIA. Parte il progetto “FA.Ci.Le. – FormAzione Civico Linguistica E servizi sperimentali”

Al via sabato 25 novembre, dalle ore 9.00, l’iniziativa di volontariato ambientale  “Puliamo il Mondo organizzata dal Circolo Legambiente con la collaborazione del Liceo DE SANCTIS – GALILEI

Progetto che prevede tra gli obiettivi, momenti di incontro, scambio e dialogo tra il mondo della formazione (istituti scolastici secondari) ed il mondo del welfare (ambiti sociali di zona) da svolgersi presso i territori interessati, a sostegno delle attività previste nel progetto.

Rapporto Ecosistema Urbano 2017: Taranto al 71° posto. Tutti i dati. Legambiente chiede al Comune un confronto e l’apertura di una fase nuova

L’ultimo rapporto Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente, l’annuale rapporto sulle performance ambientali delle città capoluogo realizzato con il contributo scientifico dell’Istituto di Ricerche Ambiente Italia e la collaborazione editoriale de Il Sole 24 Ore, colloca Taranto al 71° posto sui 104 capoluoghi monitorati

Aria, acqua, energia, mobilità, rifiuti i parametri esaminati che consentono di valutare sia la qualità delle componenti ambientali che la capacità di risposta e di gestione ambientale, assegnando un punteggio che misura il tasso di sostenibilità della città reale rispetto ad una città ideale.

TARANTO. Ilva, comitato Genitori tarantini scrive a Mattarella: “Scuole chiuse per le polveri violano diritti che lei dovrebbe tutelare”

L’associazione lancia un appello al presidente della Repubblica dopo i giorni di vento forte che hanno spinto le polveri dell’acciaieria verso il rione Tamburi, provocando la chiusura delle scuole

“Dopo la sua visita a settembre – scrivono madri e padri tarantini – l’inferno si è scatenato con ancora più vigore. È un’offesa alla salute soprattutto di categorie già deboli”.

Sava. ESCREMENTI DI PICCIONI DAPERTUTTO, NELL’INDIFFERENZA PIU’ ASSOLUTA DELL’AMMINISTRAZIONE IAIA

Don Pietro Pesare: “Sto facendo pulire io a spese della chiesa San Francesco”

Ma vi pare normale che la chiesa debba farsi carico delle spese di pulizia degli escrementi “puzzolenti, corrosivi. e infestanti” depositatesi al suolo in aderenza all’ingresso di questo meraviglioso luogo sacro?

TARANTO. Legambiente. “Ilva: tra diritti negati e dichiarazioni incredibili”

“Gli obiettivi di una battaglia unitaria della città per tenere insieme lavoro, ambiente e salute”

I provvedimenti approvati dall’Amministrazione comunale di Taranto, dalla revisione del protocollo previsto per i wind days – arrivando a contemplare in via precauzionale la chiusura delle scuole presenti nel quartiere Tamburi – alla decisione di impugnare il DPCM con cui è stata approvata la nuova A.I.A. Ilva, hanno il merito di dare forma e rappresentanza all’opinione e ai sentimenti di una città stanca di attendere interventi perennemente rinviati e di dover perciò convivere con situazioni inaccettabili, fortemente insoddisfatta delle misure contenute nel nuovo Piano ambientale adottato il 29 settembre e dei suoi tempi di attuazione.

Taranto. WWF: “GRAVISSIMO ATTO DI BRACCONAGGIO. TARTARUGA UCCISA E LEGATA A GROSSO SASSO PER OCCULTARE CADAVERE SU FONDALE”

“Chiediamo inoltre alle istituzioni di Taranto un impegno straordinario di sorveglianza contro la pesca illegale all’interno del Mar Piccolo dove la pesca con le reti è vietata”

Un gravissimo atto di bracconaggio è stato scoperto a Taranto dove, nella mattinata di sabato, è stato ritrovato il corpo di una tartaruga marina Caretta caretta che dopo essere stata uccisa è stata legata ad un grosso sasso, con lo scopo di trattenere il cadavere sul fondale marino affinché non fosse ritrovato.

MARE: WWF, BENE PROTEZIONE FOSSA DI POMO MA CONTRARIETÀ ITALIA A CO-GESTIONE È OCCASIONE MANCATA

La raccomandazione dell’Unione Europea sulle misure di gestione della Fossa di Pomo è un importante passo avanti per la conservazione degli stock del Mare Adriatico, ma negare la co-gestione, fortemente voluta dai pescatori italiani e croati, è stata una grave mancanza di coraggio

L’Italia è stata determinante nella bocciatura del processo che avrebbe portato pescatori, ricercatori e società civile ad avere un ruolo attivo nella gestione di una delle più importanti aree di riproduzione per naselli e scampi dell’intero Adriatico.

Manduria. SABATO 21 OTTOBRE 2017 IL CIRCOLO LEGAMBIENTE PRESENTA “GGAG – GO GREEN APULIA, GO!”

Tutti Su Per La Terra: la Campagna itinerante che racconta I green jobs

Sabato 21 ottobre dalle 18:30, presso la Ex Chiesa di Santa Croce, il Circolo Legambiente Manduria sarà tappa del “Go Green Apulia, Go!”, la campagna itinerante che racconta i green jobs realizzata da Legambiente Puglia, vincitrice nell’ambito dell’Avviso Pubblico “Giovani per il sociale”, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile.

MANDURIA. Il Circolo Legambiente Manduria e CEA Centro di Educazione Ambientale organizzano “Puliamo il Mondo”

Al via sabato 14 ottobre

A grande richiesta, il Circolo Legambiente Manduria e CEA Centro di Educazione Ambientale saranno nuovamente impegnati nella storica campagna “Puliamo il Mondo”, la più grande iniziativa internazionale di volontariato ambientale, organizzata in Italia con la collaborazione di ANCI e con i patrocini di: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e di UPI.

WWF lancia decalogo fai da te per città sane, belle e ricche di Biodiversità

Domenica 15 di Urban Nature il programma regione per regione

L’80% delle piante del Pianeta dipende dall’impollinazione dei fiori assicurata da bombi, api, farfalle ed altri impollinatori, mentre ad allontanare le zanzare e altri insetti fastidiosi ci aiutano pipistrelli, rondoni, balestrucci e rondini; molte larve parassite sono cibo prediletto dei ricci o di uccelli come upupe, cuculi e cinciallegre, volpi e rapaci notturni predano volentieri topi e ratti mentre rospi e raganelle divorano larve di zanzare e lumache.

CAMPOMARINO (Marina di Maruggio). WWF, nati i primi piccoli di tartaruga marina dal nido

LE PICCOLE VENGONO PRELEVATE E LIBERATE IN MARE APERTO VISTA LA TEMPERATURA TROPPO FREDDA DELLA SABBIA

Alle 6,50 di questa mattina hanno fatto capolino dalla sabbia 7 piccole tartarughe marine dal nido di Campomarino di Maruggio (TA). Il nido, seguito dallo staff tartarughe marine che fa capo all’Oasi WWF di Policoro, era stato rinvenuto a seguito della mareggiata del 13 agosto presso il lido Paradise Beach.

MANDURIA. “Reintroduzione in natura di animali selvatici recuperati”

Nota stampa di Francesco Di Lauro presidente di Azzurro Jonio,  Associazione di promozione ambientale 

Ho il piacere di comunicarvi che domani 7 ottobre alle ore 18, in località Salina dei Monaci, sul lato vicino alla torre di Culumena, in collaborazione con il Centro Recupero Selvatici presso il Museo di Scienze Naturali di Calimera (LE) saranno rimessi in libertà alcuni dei circa 90 esemplari di fauna selvatica recuperati quest’anno dalla nostra Associazione ed affidati al Centro per la cura e riabilitazione.

LE MARINE DI TORRICELLA AL PULITO. Parte il progetto “Puliamo le nostre spiagge”

Dal gruppo facebook TORRE OVO & Friends, un invito alla collaborazione

Da 2 giorni ha avuto inizio un bel progetto dal nome “Puliamo le nostre spiagge”, la prima giornata è stata dedicata in zona Trullo di mare per poi passare alla zone Barche e ieri nella zona Le Villette a Torre Ovo, marina di Torricella.  Abbiamo raccolto plastica, vetro e cartacce ovviamente differenziate.

WWF: UN’INTESA PER UN’AGRICOLTURA AMICA DELLA NATURA

214mila le aziende italiane all’interno della Rete Natura 2000

Oltre 214mila aziende agricole italiane che insistono nei territori della rete Natura 2000 (15% del totale delle 1.471.185 aziende attive oggi in Italia), diventeranno presìdi per la tutela attiva del capitale naturale del nostro Paese.

TARANTO. Nuovo Piano ambientale Ilva

Legambiente: “Lo esamineremo, ma la prima impressione non è positiva”

E’ alquanto lacunosa la nota congiunta diramata dai ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico, a valle dell’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri  del decreto che  apporta modifiche e integrazioni  al piano ambientale Ilva approvato il 14 marzo del 2014, a conferma della mancanza di trasparenza che ha caratterizzato negli ultimi anni la vicenda Ilva.

TARANTO. Sequestro Cementir Enel Ilva. Ancora reati ambientali

Legambiente chiede indagini rapide che facciano chiarezza sulle responsabilità e i possibili danni per l’ambiente e la salute dei tarantini

La notizia che apprendiamo dalla stampa del sequestro presso gli impianti ENEL di Brindisi, Cementir Italia spa di Taranto e dei parchi loppa d’altoforno dell’Ilva ci allarma e ci lascia basiti: un’altra azienda del polo industriale tarantino si sarebbe resa responsabile degli ennesimi reati ambientali, con potenziali dannose ricadute sulla salute dei cittadini di Taranto.

BRINDISI. Centrare carbone Federico II Cerano. Non solo emissioni pericolose per salute e clima ma anche rifiuti pericolosi

WWF: “NUOVA INCHIESTA DIMOSTRA CHE CENTRALI A CARBONE VANNO CHIUSE AL PIÙ PRESTO”

I gravi reati di smaltimento illecito di rifiuti, contestati dagli inquirenti ad Enel per lo smaltimento di milioni di tonnellate di ceneri prodotte dall’impianto di Cerano, sono solo l’ultima prova di quanto le centrali termoelettriche a carbone possano danneggiare il territorio, la salute delle persone e il clima.

WWF. #MIGLIAIADIVITE attraverso chiusura di tutte centrali a carbone in Italia entro il 2025

Carbone: Associazioni. Ancora pochi giorni per salvare

In questi giorni si decide il futuro energetico dell’Italia attraverso la Strategia Energetica Nazionale, la cui fase di consultazione è stata prorogata fino al 12 settembre. In migliaia hanno già aderito alla petizione per chiedere un impegno concreto al Governo, capifila WWF, Greenpeace e Legambiente   www.stopcarbone2025.org

TARANTO. Ilva. “Cavalli di Troia e volpi … sotto le ascelle”

Nota stampa di Legambiente

La mancanza di innovazioni nel processo produttivo del Piano ambientale Ilva targato Mittal ripropone drammaticamente il conflitto tra lavoro e salute: in loro assenza solo un forte contenimento della capacità produttiva potrà infatti consentire l’esercizio degli impianti senza che si ripropongano in futuro scenari nefasti in termini di morti e malattie.