MANDURIA. Tavola Rotonda avente il tema: “FAMIGLIA E POVERTÀ EDUCATIVA: VOLTI, STORIE E PROPOSTE”

Incontro organizzato dal Centro Diurno Socio Educativo “Belisario Arnò” il giorno 26 maggio 2022 alle ore 18 presso l’Istituto “Belisario Arnò” sito in Via Santa Lucia, 4

“Si è ravvisata l’esigenza di trattate tale tema, così urgente e delicato, poiché bambini e ragazzi durante il periodo pandemico sono rimasti orfani di opportunità educative, di attività extrascolastiche, motorie e ricreative.

Per molti di loro la prospettiva è rimanere indietro, perdere la motivazione ed essere spinti ad un auto-isolamento. Ci ritroviamo di fronte ad uno scenario in cui i Territori, da Nord a Sud, sono ad alto rischio educativo per i minori.

Per tale ragione riteniamo fondamentale anche sottolineare l’importanza del ruolo che riveste la famiglia volano per tanti giovani smarriti ed è d’uopo ribadire quanto il ruolo genitoriale sia funzionale per lo sviluppo psico-fisico di un bambino. In questa cornice si inseriscono tutti quei centri educativi, come il nostro, che lavorano quotidianamente per rafforzare valori quali la condivisione, il confronto, l’aiuto reciproco, il supporto, l’inclusione e la solidarietà.

Non a caso anche in estate stiamo lavorando per promuovere il Centro Estivo “Metti in gioco l’allegria” per tutti i ragazzi dai 6 agli 11 anni con attività di gioco, sport, giardinaggio creativo, balli, canti, orienteering e piscina.

Alla seguente Tavola Rotonda interverranno: – Sr Pina Mitruccio, gestore e coordinatrice del Centro Socio Educativo “Belisario Arnò” – Dott. Gregorio Pecoraro, Sindaco di Manduria – Dott. ssa Fabiana Rossetti, Assessore Politiche sociali – Dott.ssa Anna Maria Bene, Responsabile Ambito territoriale 7 – Dott.ssa Francesca Granieri, Assistente sociale Comune di Manduria – Sr Odette Nyiramanzi, consigliera scolastica della Congregazione delle Suore Salesiane – Dott.ssa Tiziana Dimonopoli, psicologa – Dott. Roberta Lupo, responsabile politiche sociali dei comuni di “San Donaci” e “San Marzano di San Giuseppe” – Dott. Dario Palma, consulente per le opere socioeducative della Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori.

Il centro diurno nasce per rispondere ad un bisogno della collettività: essere un veicolo educativo operando in stretta collaborazione con le realtà culturali, formative e di socializzazione del territorio. Le attività previste dal nostro progetto educativo posso essere relative alle seguenti aree: supporto e potenziamento scolastico, percorsi educativi mirati, laboratori artistici, manipolativi, di musica, danza e cineforum”.

Lascia un commento