Taranto. GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE “PITAGORA” INCONTRANO LA SCRITTRICE TARANTINA TIZIANA GRASSI PER TRACCIARE UN PERCORSO TRA TARANTO E IL SUO MARE

Giovedì 14 ottobre 2021, alle ore 10.00 a Taranto, presso la sede della Lega Navale, Lungomare Vittorio Emanuele III n.2, si terrà l’incontro degli studenti dell’Istituto tecnico Commerciale “Pitagora” con la scrittrice e giornalista TIZIANA GRASSI

Il mondo della Scuola si apre al territorio per stimolare nelle giovani generazioni il senso di appartenenza e delle proprie radici, a partire dai luoghi di mare della Città.

  • “Taranto e il suo mare, tra passato, presente e futuro”

 il focus dell’incontro voluto e organizzato dal Dirigente Scolastico dell’ITES “Pitagora” di Taranto Nadia Bonucci con la scrittrice tarantina Tiziana Grassi, che dopo molti anni di lavoro a Roma come autrice di programmi di servizio per gli italiani nel mondo a Rai International e referente per la comunicazione istituzionale dell’INMP Istituto Nazionale Salute Migrazioni e Povertà del Ministero della Salute, torna nella sua città natale con cui ha sempre mantenuto un saldo legame affettivo-identitario.

L’evento è organizzato dall’ Istituto Pitagora in collaborazione con la Lega Navale sezione di Taranto rappresentato dal Presidente Rosangela Martongelli e dal referente marketing Dott. Flavio Musolino.

“Ringrazio la Preside Bonucci per avermi invitata con slancio a questo incontro con i suoi Studenti, condividere un percorso e confrontarsi con le giovani generazioni è un’esperienza straordinaria, a cui tengo moltoha dichiarato Tiziana Grassi – così come ringrazio le altre Scuole di Taranto che mi stanno contattando per analoghe iniziative.

Sono segnali di attenzione e stima di grandissimo valore, e questo invito del Pitagora arriva proprio in assonanza conil mio desiderio e imperativo morale di riportare nei luoghi delle radici e del cuore la mia esperienza umana e professionale.

Perché si parte per poter ampliare i propri orizzonti di conoscenza, per elaborare la propria visione del mondo, ma la matrice è a Taranto, quello resta il baricentro, insieme ai nostri straordinari orizzonti di mare e tramonti rossi. Qui sono a casa, ed è meraviglioso ritornare”.

All’incontro parteciperanno gli studentidell’ITES “Pitagora” per approfondire le molteplici prospettive della “capitale di mare” nel suo momento storico di riscatto e rinascita, a partire dall’ultima opera corale e multimediale ideata e curata dalla giornalista e scrittrice Tiziana Grassi, “Taranto all’appuntamento con il futuro. In colloquio con la città sui traccianti del Mare” (Mandese Editore), opera presentata il 27 luglio scorso nella suggestiva cornice del Castello Aragonese, alla presenza di oltre quattrocento concittadini, l’editore Antonio Mandese e numerose Autorità tra cui la Presidente del Consiglio Regionale della Puglia Loredana Capone – che ha sostenuto la pubblicazione nell’ambito della linea editoriale istituzionale “Leggi la Puglia”-, l’Assessore al Turismo e Sviluppo Economico del Comune di Taranto Fabrizio Manzulli, il Presidente dell’Autorità Portuale del Mar Ionio-Porto di Taranto, Avv. Prof. Sergio Prete, l’Ammiraglio Salvatore Vitiello, i giornalisti Rai Francesco Giorgino e Salvatore Catapano.

Un volume a cui, attraverso l’intervista di Tiziana Grassi alla docente di Scienze Enza Tomaselli, ha partecipato anche l’ITC “Pitagora” con le numerose attività di azioni formative e di conoscenza ‘sul campo” promosse con impulso dalla Dirigente Nadia Bonucci (‘Settimana dell’Intercultura’ negli anni….) che mirano a stimolare nei giovani tarantini quell’orgoglio dell’appartenenza alla base di una cittadinanza attiva e di una consapevole partecipazione alla vita pubblica per una crescita efficace dell’intera comunità.

“Con questo terzo volume che dedico a Taranto come atto d’amore e di impegno morale, ho sentito l’urgenza di raccontare la nostra città in un volume corale – dichiara Tiziana Grassi che nei giorni scorsi è stata insignita del prestigioso ‘Premio Falanto’ per il giornalismo dedicato alla valorizzazione di Taranto e della sua risorsa-mare – invitando i concittadini da sempre concretamente impegnati per la rinascita del nostro territorio a partecipare con la loro testimonianza in presa diretta.

Abbiamo così proposto un ‘viaggio’ immersivo per dare voce al nostro mare nelle sue infinite prospettive conoscitive, ecco anche perché la scelta di adottare in un volume cartaceo l’ampliante dimensione multimediale-multisensoriale attraverso testi, foto, video e musica.

Il mare è il tratto identitario di noi Tarantini, eppure per troppi anni abbiamo assistito a una narrazione straniante, che nell’immaginario collettivo ci ha identificato con la grande industria, i cui fumi offuscavano la visuale fuori e dentro di noi. Dunque era urgente e necessario un racconto di altro segno, che cambiasse finalmente la prospettiva rivolgendo lo sguardo a quella che invece è la nostra vera e primaria risorsa/vocazione naturale tra passato, presente e futuro.

Convinta che il giornalismo possa e debba essere al servizio della comunità – come nel lavoro svolto per decenni a Rai International in programmi per i nostri connazionali nel mondo, programmi-ponte tra le due Italie, quella dentro e fuori i confini con milioni di oriundi -, tanto più ne vivo questo approccio etico nei confronti della città in cui sono nata, che mi ha formato e a cui sono profondamente grata.

E per dare un impulso forte e il più esteso possibile al racconto delle nostre Bellezze, Storia, vestigia, attività, risorse e luoghi incantevoli, ho invitato a partecipare istituzioni pubbliche, pescatori e mitilicoltori, associazioni di categoria, studiosi e centri di ricerca, passando per associazioni sportive, fondazioni, operatori in ambito marittimo e del turismo, imprenditori, startup e giovani studenti del settore nautico.

Tutti insieme, in uno spirito comunitario e sinergico che sicuramente moltiplica visioni, spunti di riflessione e prospettive, abbiamo così voluto restituire a Taranto un mosaico vivo e palpitante che davvero ci rappresentasse, la fotografia polifonica di quello che realmente siamo e di cui dobbiamo essere più consapevoli e orgogliosi, come sta avvenendo: orizzonti luminosi di mare e di futuro, che sono sempre stati qui, sotto i nostri occhi, a indicarci la direzione da cui oggi ripartire quale ideale – e reale – tracciante della nostra rinascita”.

 

Lascia un commento