MANDURIA. Il Sindaco di Pecoraro rompe il silenzio sulla questione vaccino

Nota del primo cittadino messapico

Ha rotto il silenzio in merito alla questione della sua presunta vaccinazione il Sindaco di Manduria Dott. Gregorio Pecoraro e lo ha fatto durante la diretta dei lavori del Consiglio comunale.

“Durante la seduta del 27 Aprile prima e con successiva interrogazione presentata il 10 Maggio poi,  da parte di Consiglieri dell’opposizione e non solo, mi sono state rivolte alcune domande su come mai avessi già ricevuto il vaccino in data 27 Febbraio pur non essendo ancora il mio turno e su quale stratagemma avessi io usato per rientrare nella categoria del personale scolastico. Un vero e proprio attacco personale che nulla a che vedere con la politica”.

“Queste domande – continua il Sindaco Pecoraro – mi lasciano basito in quanto espresse dal capo di una coalizione politica e mi lasciano basito in quanto non sapevo che il mio personale stato di salute fosse diventato di dominio pubblico in barba al diritto alla Privacy.

Vorrei rassicurare tutti dichiarando di essere stato vaccinato nel giorno che tutti conoscono con una dose Astrazeneca che è stata più volte rifiutata da diversi utenti e per essere ancora più chiari  mi è stato inoculato un lotto che successivamente è stato sospeso dall’Agenzia Internazionale del Farmaco e, tengo a precisare che, non ho mai dichiarato di far par parte del personale scolastico. 

Non mi aspettavo di venire attaccato sul piano personale per una dose di vaccino nonostante il mio impegno e la mia presenza quotidiana nel centro vaccinazioni per garantire un sereno svolgimento della campagna di vaccinazioni a tutela della salute pubblica e sostegno al personale sanitario. Le mie iniziali intenzioni erano quelle di rassicurare tutti quanti sulla sicurezza del vaccino dando così vita ad una campagna pro vaccini, ma rendendomi conto che questo poteva essere usato per scopi politici, come è stato, ho cambiato idea.

Sono stato attaccato pubblicamente e personalmente, – continua Pecoraro – quando, per una scelta della Regione e non mia, il nostro ospedale è stato convertito ad Ospedale Covid, ma nessuno si rende conto, purtroppo, di quante persone hanno usufruito del nostro ospedale anche dai paesi limitrofi. Nonostante i continui attacchi ho seguito personalmente gli andamenti della pandemia, ho creato un filo diretto, attraverso le dirette facebook, tra cittadini ed esperti dove gli stessi cittadini hanno potuto conoscere i vaccini e i relativi effetti indesiderati. Ma questo non fa notizia, si pone l’attenzione solo e soltanto sulla mia vaccinazione anche con parole irripetibili usate durante un consiglio comunale .

Posso rassicurare tutti coloro che pensano di poter usare lo strumento vaccino per distogliere le mie energie e la mia attenzione da quelli che sono i reali obiettivi: far rinascere la Città di Manduria in ogni settore e vi posso assicurare che il giorno che mi renderò conto che tali obiettivi non potranno essere realizzati non esiterò a farmi da parte ripetendo  la scelta che ho fatto anni fa”.

Lascia un commento