Manduria. LIBRIAMOCI SI FA IN OTTO AL LICEO “DE SANCTIS-GALILEI”

Dall’11 al 16 novembre 2019 torna in tutta Italia ” Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole” e il Liceo De Sanctis Galilei  nella mattinata di sabato 16 apre le porte a ben otto scrittori che, attraverso momenti di conversazione, reading e confronto, potranno condividere con gli studenti la propria passione per la scrittura

Dalle 8,30 alle 12,15 le due sedi “De Sanctis” e “Galilei” ospiteranno prosatori esordienti, come la giovanissima Francesca Villani con Goyescas definita una delle dieci opere fondamentali per capire la poetica del sud Italia; saggisti nei nomi di Gaetano Appeso con Taccuini di viaggio, in cui racconta, attraverso la fotografia, suggestive e affascinanti esplorazioni di terre e di popoli conosciuti durante i suoi cammini in giro per il mondo; Alba Mazzarella con Puglia, quante storie simbolo della nostra Terra e dei valori che ci contraddistinguono.

Tra i romanzieri emergono i nomi di Mariapia Fusco con un lavoro introspettivo Il pianto del Latte e Sabrina Lanzillotti Il peso del male un libro autobiografico in cui affronta una tematica vicina al mondo dei giovani, l’anoressia.

Si approderà allora a Io sono l’A-more con la scrittrice-poetessa Giovanna Politi per trattare il tema dell’inclusione a scuola. Giuse Alemanno nel suo spazio intitolato Una valigia piena di storie, affronterà alcuni problemi scottanti del Sud denunciando – talvolta anche con toni duri – tragedie quotidiane che coinvolgono da vicino il nostro territorio.

Sulla strada dei libri è il titolo per la blogger e giornalista Paola Bisconti abile esploratrice delle tante sfaccettature del mondo della lettura nel Salento: chi sono i lettori, dove acquistano i libri e perché, il tutto condito dal racconto delle avventure di chi crede nel potere delle parole.

L’iniziativa promossa dal Dirigente Scolastico, prof.ssa Maria Maddalena Di Maglie, rientra nelle attività didattico-formative del Liceo affidate ad un apprendimento partecipato e Libriamoci diventa, per tutti gli studenti, un mezzo di comunicazione, di relazione e di inclusione attraverso l’’apertura a una pluralità di linguaggi.

Lascia un commento