PRO LOCO MANDURIA. “Precisazioni su accesso portatori handicap a evento PIZZICA E PRIMITIVO”

Nota stampa del presidente Domenico Sammarco

“L’evento “Pizzica e Primitivo” nasce, come ogni altra manifestazione organizzata dalla Pro Loco, con l’intenzione di promuovere il nostro territorio, ricco di storia e di cultura e di offrire ai partecipanti una serata all’insegna della musica, della tradizione e dei prodotti locali. A tutti i partecipanti senza alcuna distinzione e/o qualsivoglia “classificazione”. Per tale ragione leggere la testimonianza di chi, quella sera, si è sentito escluso o non compreso nelle proprie difficoltà, ci rammarica ed al tempo stesso ci lascia basiti, soprattutto per la scelta del mezzo di diffusione, che ci ha negato la possibilità di un intervento immediato e di un accertamento e risoluzione del problema.

Avremmo gradito che l’episodio fosse riferito, in prima persona a Noi, in quanto organizzatori, numerosi e presenti in loco durante la manifestazione, poiché è da sempre nostra premura prestare attenzione alle esigenze dei partecipanti ed offrire il miglior servizio possibile, nei limiti consentiti. L’organizzazione di un evento di tale portata prevede il rispetto di fondamentali ed importanti norme di sicurezza che garantiscano l’incolumità della totalità dei partecipanti, senza distinzione alcuna.

Per tale ragione che, in accordo con il Commissariato di Polizia si è deciso – anche se non tenuti – di far accedere finché possibile le persone che, pur non certificando alcun handicap, hanno portato delle loro “sedie” da casa (pur non ammesse e non ammissibili).

Purtuttavia, nel momento in cui la presenza delle sedie è stata così numerosa, si è dovuto sospenderne l’ingresso nelle prime file davanti al palco e (sempre in accordo con le forze dell’ordine) si è consentito – anche questa cosa non dovuta – di allocare gli utenti “con sedie” intorno al marciapiedi del piazzale.

Detto questo, va precisato che:

1- nessun utente con invalidità accertata si è lamentato con gli organizzatori di alcunché;

2- gli spettatori con disabilità hanno ricevuto ogni assistenza richiesta ed anzi, gli stessi Volontari della proloco hanno fatto “saltare” ogni fila (anche all’area food);

3- nessun utente “con sedie” si è lamentato di mancanza di visibilità del palco essendo allocato, per ragioni oggettive di stato dei luoghi, a ben oltre 3 metri di altezza. Quindi anche una persona seduta in mezzo a gente in piedi ha visto il palco e lo spettacolo senza problemi;

4- per quanto concerne la normativa richiamata nell’articolo pubblicato, si tratta di un evento GRATUITO, pertanto non assimilabili le norme sugli spazi destinati, relative agli spettacoli con ingresso a pagamento dove, comunque, l’accesso degli stessi richiede un preventivo accredito per facilitarne, in modo preferenziale, l’accesso.

Dalla nostra ci consola aver avuto, in queste ore, la solidarietà di tanti “non anonimi” disabili che hanno apostrofato come semplicemente denigratorio tale orrorifico messaggio che – senza dubbio alcuno – vuole essere solo diffamante di un’associazione come la Pro Loco fatta da tantissimi volontari che mettono a disposizione degli altri, in modo gratuito, il loro tempo per Amore del nostro territorio.

Pertanto si vergognino quanti – ben pochi fortunatamente – dalla “penna facile” provino a dare libero sfogo alle proprie frustrazioni personali per il semplice gusto di denigrare, nel caso di specie, la Pro Loco di Manduria che mi onoro, invece, di rappresentare.

Ma di tale e tanto “fango”, chiunque e a qualunque titolo, ne risponderà nelle sedi competenti.

Lascia un commento