Leporano. MOBBING, IL CANDIDATO SINDACO D’ABRAMO CHIEDE IL GIUDIZIO ABBREVIATO

E rimarca: “SONO CERTO DEI MIEI ATTI, LO FACCIO A GARANZIA DEI CITTADINI”

«Sono così sicuro della legittimità degli atti amministrativi che portano la mia firma, che chiederò il giudizio abbreviato».

L’avvocato Angelo D’Abramo, candidato sindaco al comune di Leporano e primo cittadino uscente, affronterà con questo spirito la seconda udienza del Gip Vilma Gilli, prevista per domani 17 aprile e relativa al procedimento che lo vede indagato per mobbing nei confronti di un dirigente comunale. Una decisione a garanzia dei cittadini, quella presa da D’Abramo, affinché la campagna elettorale non sia “preda” degli avvelenatori di professione, pronti a utilizzare argomenti distraenti rispetto al sano confronto sullo sviluppo del territorio.

La richiesta di giudizio abbreviato è stata ampiamente condivisa dal collegio difensivo, composto dagli avvocati De Feis, Marseglia e Minetola. Ricorrendo a questo procedimento penale speciale, insomma, l’avvocato D’Abramo si sottoporrà al giudizio solo sulla base di ciò che è già presente nel fascicolo del pubblico ministero e, soprattutto, di atti e documenti all’attenzione del Gip: nessun dibattimento, quindi, tempi più rapidi e grande fiducia nel lavoro della magistratura inquirente.

«Procederemo in questa direzione – ha aggiunto D’Abramo – per affermare con forza che, al contrario di quanto qualcuno voglia far credere, la mia attività amministrativa è stata improntata al rispetto delle regole, ispirata a criteri di trasparenza sempre più stringenti e, di conseguenza, non trattabili. Sono certo della mia estraneità ai fatti contestati, desidero che questa certezza possa essere patrimonio della mia comunità».

 

Lascia un commento