TARANTO. Il sindaco Melucci si è dimesso dopo la bocciatura alla Presidenza della Provincia

20 giorni per ripensarci o andare al voto

Dimissioni, ore 12.30. Inevitabili dopo il kappao elettorale di stanotte. Il sindaco di Taranto le affida ad un comunicato breve ma eloquente giunto qualche minuto fa in redazione. La sua decisione era attesa entro oggi, del resto. La legge prevede che abbia venti giorni di tempo per ritirarle.

“Il risultato del voto per la Presidenza della Provincia è inequivocabile da un punto di vista politico. Prendo atto che nonostante abbia chiesto e ricevuto dalla maggioranza il sostegno per la mia candidatura, questo sostegno è venuto meno con numeri inaspettati e considerevoli.

Non posso che ascoltare questo messaggio e rassegnare le dimissioni da sindaco nelle mani del Segretario Generale, secondo le modalità previste dalla legge. Taranto ha diritto a un governo coeso e a un Consiglio Comunale operoso” scrive il sindaco.

L’ultima frase forse contiene una speranza. I prossimi giorni diranno se intorno al sindaco potrà nascere una nuova maggioranza o se le urne saranno inevitabili. C’è tempo, infatti, sino al 20 novembre per ritirare le dimissioni.

 

FONTE

laringhiera.net

Lascia un commento