Manduria. PRESENTAZIONE “LA BELLEZZA DEL CAOS”, UN LIBRO DI LEO TENNERIELLO

Sabato 19 maggio alle ore 19.30, presso la Ex Chiesa di Santa Croce in Via Sant’Antonio. Dialogherà con l’autore Annalisa Defazio. Venti racconti, venti vite ordinate e senza governo, deragliate che ritrovano la via

Nudi racconti esistenziali, surreali, etici e visionari. Tutto comincia con circostanze futili, consuete, per approdare allo svelamento della crisi d’identità, della solitudine, del disorientamento di una generazione senza causa e senza ribellione.

Nella bellezza del caos ci sono coppie (moglie – marito, fratello – fratello, madre-figlio, uomo-donna, uomo-anima, scrittore-lettore, pittore-tela) che si perdono e si ritrovano.

Piccoli fatti insignificanti che restituiscono a ogni personaggio l’essenzialità dei sentimenti, nascosta dietro la mediocrità del male e della paura di vivere.

Leo Tenneriello – (imbrattacarte, scribacchino, strimpellatore, canterino) è nato a Taranto da papà campano e mamma lucana. Laureato con lode in Scienze Politiche all’Università di Bari, nel 1992 ha pubblicato “Individuo, massa e potere nella metamorfosi di Canetti” per Franco Angeli Edizioni – Democrazia e Diritto. In seguito ha pubblicato tre libri: “Metamorfosi e fuga” (2009) e “Sorella noia fratello nulla” (2013) per il Raggio Verde, “In amore siamo cose” (2015) per Pubblicazioni Italiane.

Come cantautore ha all’attivo sei cd: nel 2006 “ControVerso”, nel 2008 “Invisibili”, nel 2009 “Viversi”, nel 2011 “Basta Pagare” e nel 2013 “Leo T. Kafka” per il quale, sempre nel 2013, ha vinto il Premio Speciale della Giuria Franz Kafka Italia. In seguito ha presentato “Leo T. Kafka Live – canzoni per raccontare un grande scrittore” in diverse scuole, piccoli teatri, biblioteche e club.

Nel 2016 ha pubblicato “Wilde” da cui è nato il recital “Wilde, dialogo col Genio”.

La serata è a cura del CEA (Centro di Educazione Ambientale), del Circolo Legambiente Manduria e la collaborazione dell’Associazione Popularia Onlus e del Consorzio Produttori Vini Manduria.

Lascia un commento