San Marzano di San Giuseppe (Ta). PER FORTUNA C’E’ ANCORA QUALCUNO CHE, SEGUENDO LA DOTTRINA CRISTIANA, CON UN SEMPLICE GESTO DI UMANITA’ RIESCE A DONARE IL SORRISO

“La vita é un’avventura con un inizio deciso da altri, una fine non voluta da noi, e tanti intermezzi scelti a caso dal caso” (Roberto Gervasio)

Venerdì 29 dicembre. Mi riferisco alla vicenda legata al 42enne Francesco Zaccaria di San Marzano di San Giuseppe allettato da 22 anni, in quanto affetto da distrofia muscolare. Come già riportato precedentemente (ma é bene ricordarlo), circa un anno fa ha subito un intervento di trachetomia e da circa un anno intubato comunica attraverso un computer.

Un ragazzo molto sereno che gode della vicinanza e dell’affetto dei suoi cari che, nonostante le difficoltà e le sofferenze ha accettato con rassegnazione la malattia. Il nostro Francesco, è un accanito tifoso della Juventus e il suo desiderio sarebbe quello di poter ricevere la visita di Buffon o di qualsiasi altro calciatore juventino. Questo suo desiderio me lo ha esternato ieri sera quando sono stato invitato presso la sua residenza dove ho realizzato un video postato sulla mia pagina facebook registrando già oltre duemila e 500 visualizzazioni.

A seguito del servizio giornalistico di ieri, in tanti mi hanno contattato dichiarandosi disposti ad esaudire il desiderio di questo sfortunato ragazzo. A tal proposito ho interessato i canali di mia conoscenza al fine di poter giungere a tale obiettivo e, oggi pomeriggio, il presidente dello “juve Club Leggenda Bianconera” di Sava, Remo Desantis ha voluto far dono personalmente della maglia di Buffon e di un cappellino, ciò che ha reso felice Francesco.

Questo è solo un piccolo passo ma é già qualcosa. Certamente fa rabbia vedere in questi giorni tanta gente che fa la corsa ad acquistare regali mentre poi c’é magari chi si accontenterebbe solo di conoscere una persona del mondo del calcio. Un calcio al materialismo che ci fa capire come un semplice gesto possa produrre un effetto migliore rispetto a regali fatti nel contesto del consumismo sfrenato e di circostanza.

Riprendendo poi le testuali parole dell’arcivescovo di Reggio Emilia Morosini, nel testimoniare l’importanza della Sacra Famiglia e ciò che rappresenta realmente la nascita di Cristo … «Di fronte alle difficoltà e agli imprevisti della vita, non si turba e non si lascia sconfiggere» e «Non barattate la verità cristiana del Natale che per noi è solo la nascita di Gesù, il figlio di Dio, che si fa uomo. Non lo dimentichiamo».

Un segnale divino che man mano che trascorre il tempo viene purtroppo sempre più ignorato ed è quello appunto dell’osservanza dei principi religiosi che la Festa del Natale impone.

In un mondo intriso di cattiveria e di consumismo, oggi si è portati sempre più ad ignorare il vero significato religioso del Natale, immergendosi full time in spese e bagordi pagani che nulla hanno a che fare con lo spirito della carità cristiana.

Mimmo Carrieri

 

Lascia un commento