TARANTO. M5S: “Cemerad: due massoni minacciano il commissario Corbelli. Fuori i nomi!”

In merito alle dichiarazioni del commissario Vera Corbelli sulle minacce subite da due massoni tarantini per la rimozione dei fusti radioattivi dalla Cemerad, intervengono i Consiglieri comunali del M5S Francesco Nevoli e Massimo Battista

“Fuori i nomi: vogliamo sapere chi sono i due massoni tarantini che hanno minacciato il commissario Corbelli. E’ gravissimo che qualcuno voglia intralciare i piani di bonifica del deposito Cemerad dove sono presenti rifiuti radioattivi, a maggior ragione perché in questa oscura vicenda aleggia la lunga mano della massoneria.”

“Occorre chiarezza e trasparenza che la politica non ha mai fatto. Durante i controlli svolti dalla Forestale negli anni passati, sono stati messi in luce alcuni inquietanti intrecci tra i rifiuti radioattivi alla Cemerad e Agip nucleare, Enea di Rotondella, la criminalità organizzata campana e, per l’appunto, la massoneria. Ieri come oggi la massoneria si interessa alla Cemerad, ieri come oggi la politica è complice della mancata trasparenza, basti pensare che degli strani intrecci sulla Cemerad, il portavoce del M5S De Lorenzis ha presentato una interrogazione parlamentare al Ministro dell’ambiente ad agosto 2014 e dopo 3 anni e mezzo, il Governo non ha ancora risposto: cosa hanno da nascondere?”

“E’ ormai chiaro che sulla grave crisi ambientale di Taranto, gli interessi sono enormi e qualcuno vuole giocare sulla pelle dei cittadini. Il M5S è l’unica forza politica che ha chiesto in passato e ancora oggi sta chiedendo chiarezza su questa vicenda e soprattutto sugli strani intrecci che dapprima hanno portato i rifiuti alla Cemerad ed ora ne vogliono impedire la rimozione. Vogliamo sapere il perché!”

Lascia un commento