TARANTO. È stato presentato in conferenza stampa, presso il “Molo Sant’Eligio”, il “Distretto Nautico della Magna Grecia”

Parte da Taranto il progetto di filiera “Distretto Nautico della Magna Grecia”, elaborato dalla Histar Srl e proposto dal Consorzio Mari di Taranto, che si pone l’ambizioso obiettivo di riproporre in chiave moderna il “Sistema Colonie” della Magna Grecia

Moderati dalla giornalista Nicla Pastore, sono intervenuti il Cav. Antonio Nunzio Melpignano, presidente del “Consorzio Mari di Taranto”, quale padrone di casa, Gianni Azzaro, Consigliere nazionale ANCI e Consigliere Comunale di Taranto, l’architetto Terenzio Lo Martire, coadiutore tecnico del progetto, il prof. Carmine Carlucci, presidente Associazione Qualità della vita, e Michele Antonucci, presidente del Consorzio “Albergo Diffuso”.

All’epoca questo aveva già sviluppato le caratteristiche di un sistema di filiera dello Ionio, ovvero un distretto in grado di controllare il binomio Terra/Mare-Mare/Terra nel quale far viaggiare le merci e promuovere la cultura della Madre Patria.

 Ispirandosi a questo modello, oggi il “Distretto Nautico della Magna Grecia” sta realizzando un network interregionale che collega i porti turistici e le imprese dell’entroterra dell’arco jonico e i Comuni di pertinenza.

Questo network rappresenterà l’armatura di un sistema in grado di sviluppare economicamente e culturalmente il rapporto Mare-Terra-Mare nei territori interessati.

In tal senso il “Distretto Nautico della Magna Grecia”, al quale hanno aderito oltre duecento aziende e operatori, ha già sottoscritto protocolli di intesa e realizzate collaborazioni con i porti dell’arco Ionico, a partire da Corfù fino a Crotone.

 Il “Distretto Nautico della Magna Grecia” è proposto dal Consorzio Mari di Taranto che, con sede presso il porto turistico Molo Sant’Eligio, opera nel settore della nautica e del turismo.

L’Idea è stata studiata dal management della Histar, società tarantina che si occupa, tra l’altro, con la Gap Energy Italia srl e con il supporto tecnico urbanistico dell’architetto Terenzio Lo Martire, anche di gestione e pianificazione di porti turistici, con una particolare attenzione allo sviluppo dell’immagine sostenibile di aree turistiche, anche attraverso la realizzazione di eventi in grado di promuovere il turismo con lo scopo finale di attrarre capitali privati nazionali, internazionali e porre in essere politiche di sviluppo collegate alla finanziabilità pubblica.

Non solo nautica: fine ultimo del “Distretto Nautico della Magna Grecia”, infatti, è lo sviluppo economico dei territori su cui insistono i porti turistici, nonché quello dei loro entroterra, con una particolare attenzione al comparto turistico e a quello enogastronomico che sono tradizionalmente legati alla nautica diportistica.

A tal fine il “Distretto Nautico della Magna Grecia” organizzerà eventi fieristici comprendenti sia manifestazioni culturali di elevato livello, sia momenti dedicati alle eccellenze dell’enogastronomia e dell’artigianato dei territori della Magna Grecia.

 “Distretto Nautico della Magna Grecia: l’incontro delle culture e degli stili di vita”: è il titolo del primo evento che si terrà, sabato 5 e domenica 6 agosto, presso il Centro Nautico dei Laghi di Sibari, conosciuto come “La Venezia del Sud”, località turistica nel Comune di Cassano all’Jonio.

È un titolo programmatico e, allo stesso tempo, emblematico degli scopi di questo nuovo progetto che vuole rappresentare un ideale ponte in grado di mettere in comunicazione le culture, in una accezione quanto mai ampia, e gli stili di vita sviluppatisi sui territori della Magna Grecia.

Lascia un commento