Sava. Amministrative dell’11 giugno. “ “L’ALTERNATIVA” — DALLE PAROLE Al FATTI”

Nota stampa

La coalizione elettorale composta da Sava in Movimento, Radici e Giovani Idee, con il suo candidato Sindaco Lillo Rubino, si è proposta alla cittadinanza con uno slogan, “L’Alternativa”.

Da qui vogliamo partire per iniziare a dare concretezza ad uno slogan che sia di rottura degli schemi tradizionali della politica, troppo orientata alla gestione del potere e lontana dai bisogni concreti dei cittadini.

Vogliamo che si respiri aria di serenità e determinazione. Vogliamo trasparenza, pacificazione sociale. Sentiamo forte il bisogno di fare per tutti e nell’interesse di tutti.

Ed è per questo che abbiamo deciso di mettere in campo la competenza e la professionalità di persone che già nella propria vita lavorativa e sociale operano con grande partecipazione e spirito di servizio.

Donne e uomini privi della doppiezza che la politica attuale offre.

Il cui ruolo è stato individuato non in base alla conta dei voti elettorali, ma dalle peculiarità che contraddistinguono il soggetto.

Siamo orgogliosi di presentarvi la futura squadra amministrativa della nostra coalizione e i dettami che ne specificano la scelta:

LILLO RUBINO — SINDACO – ESPERIENZA

MINO LACORTE — ASSESSORE ALLO SPORT E AL PERSONALE

FORMAZIONE MAURIZIO CHIANURA — ASSESSORE ALLE FINANZE ED ECOLOGIA —

PROFESSIONALITA’ BARBARA MAIA — ASSESSORE Al SERVIZI SOCIALI 

PASSIONE MASSIMILIANO SARACINO — ASSESSORE Al LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA – COMPETENZA

Se invece, i nostri concittadini, decideranno di premiare un’altra delle due coalizioni in lizza, il nostro candidato Sindaco Lillo Rubino, se risulterà titolare di un seggio in consiglio comunale, si dimetterà da consigliere, lasciando il posto al primo dei non eletti.

Questo a dimostrazione che “L’ALTERNATIVA” è possibile e concreta, perché nessuno di noi è legato al potere e che il fine ultimo della candidatura di Lillo Rubino a Sindaco della nostra cittadina, è quella di essere strumento attivo nelle mani delle nuove generazioni.

Lascia un commento