“IERI SCIOPERO DEI LAVORATORI INDOTTO ILVA: E OGGI, IN ASSENZA DI RISPOSTE CONCRETE, SI REPLICA”

Nota stampa di Filcams Cgil Fisascat Cisl Uiltrasporti Uil 

Proclamato da Filcams Cgil Fisascat Cisl Uiltrasporti Uil territoriali è stato un buon risultato di adesioni lo sciopero di 4 ore con presidio di fronte alla portineria imprese Ilva, realizzato ieri per ogni turno di lavoro, dai dipendenti che operano nell’indotto Ilva, in particolare presso le Aziende Ecologica e Quadrato Divisione Industriale a fronte delle problematiche ancora irrisolte in materia di sicurezza sul lavoro.

Assenza di spogliatoi con docce nelle aree riservate a queste Imprese, come pure di refettori adeguati alle normative vigenti per il giusto ristoro degli addetti, compresa l’oggettiva assenza di volontà delle Aziende di fornire ai propri dipendenti un pasto adeguato; sono gli obiettivi vertenziali alla base della protesta.

Filcams Cgil Fisascat Cisl Uiltrasporti Uil insieme con i lavoratori contestano le logiche economiche connesse al massimo profitto aziendale ed improntate al massimo ribasso, peraltro  imposto dalla committente cioè l’Ilva, considerando che tali logiche determinano pessime condizioni di lavoro, non per ultimo per effetto di sostanze dannose alla salute veicolate all’esterno dello stabilimento senza alcun tipo di precauzione e per l’insicurezza sociale che tutto ciò genera.

In assenza di riscontri concreti alle rivendicazioni sindacali, lo sciopero con le stesse modalità odierne proseguirà anche nella giornata di oggi, giovedì 27 aprile. 

Lascia un commento