TARANTO. Crest. Rassegna ‘fuoriLUOGO’: “La dea in trono”

Giovedì 1 settembre, in doppia replica (ore 20.10 e ore 21.30) al MArTA – Museo Archeologico Nazionale (Via Cavour 10)

Il sorriso (enigmatico) della dea. Va in scena “La dea in trono”, da un’idea di Gaetano Colella, narrazione di Giovanni Guarino, in scena Delia De Marco, Valentina Elia e Giuseppe Marzio, costumi Francesca Ruggiero, produzione Crest.

L’evento è realizzato nell’ambito del “Programma regionale di spettacolo dal vivo per la valorizzazione delle risorse culturali ed ambientali della Puglia – 2016”. Durata 60 minuti. Posti limitati (max 40 spettatori per replica). Prenotazione obbligatoria ai numeri 099.4725780 – 366.3473430.

L’accesso al MArTA prevede un ticket.
Un viaggio alla scoperta del mito di Persefone, figlia di Zeus e Demetra, che Ade, il terribile dio delle tenebre, rapì per farne la propria sposa, e quello di Afrodite, dea dell’amore e della bellezza, regina dei cuori, di quelli degli dei e, non di meno, di quelli degli uomini.

Le vicende mitologiche delle due dee si intrecciano alla storia della famosa statua raffigurante una divinità femminile seduta in trono (si tratta di Persefone, dea degli inferi?, o piuttosto di Afrodite, signora del talamo e dea della fecondità?, come hanno dimostrato analisi recenti), un capolavoro assoluto della scultura magnogreca del V secolo a.C., conteso da Taranto e Locri, trafugato dall’Italia e acquistato in Svizzera  sul mercato antiquario (clandestino) dalla Germania nel 1914.

Al MArTA è esposta una copia ottenuta attraverso tecnologie laser scanner e successiva realizzazione plastica della scultura, il cui originale è oggi custodito all’Altes Museum di Berlino, dopo essere stato a lungo esposto al celebre Pergamonmuseum.

Nato a Taranto nel 1977, il Crest, acronimo di collettivo di ricerche espressive e sperimentazione teatrale, porta avanti in un ambiente difficile – sia socialmente che culturalmente – un discorso teatrale coerente e innovativo, raccontando vite complicate, sogni ostinati, incontri tra culture e condizioni differenti, cercando di coniugare i linguaggi della tradizione con quelli della ricerca teatrale contemporanea. E’ stato finalista al Premio ETI Stregagatto con gli spettacoli “La neve era bianca” (1999), “La mattanza” (2000), “Cane nero” (2001) ed ha prodotto lo spettacolo vincitore del Premio Scenario 2005, “Il deficiente”.

Dopo 30 anni di attività “senza fissa dimora”, dal 2009 la Compagnia dispone di mille metri quadrati di “teatro da abitare”, il TaTÀ, nel quartiere popolare ed operaio per eccellenza della città, il rione Tamburi appunto, il più contiguo alle svettanti ciminiere Ilva.

Un teatro da 300 posti che mira a diventare polo di attrazione di artisti italiani e stranieri, diventando modello di mediazione tra il teatro e le altre forme di comunicazione/creazione quali la scrittura, la pittura, il video, la danza, la musica.

Il MArTA è fra i più importanti musei d’Italia. Istituito nel 1887, occupa fin dalle origini l’ex Convento dei Frati Alcantarini, costruito a metà del XVIII secolo e, in seguito ad interventi di ingrandimento a metà del XX secolo, l’adiacente corpo settentrionale dell’Ala Ceschi.

Il percorso espositivo si articola per grandi fasce cronologiche (periodo preistorico e protostorico al secondo piano; periodo greco, romano e altomedievale al primo piano) e per principi di continuità tematica.

Dalla Preistoria al Medioevo, Taranto è al centro dell’itinerario museale, la sua storia, la sua evoluzione, la sua cultura attraverso reperti identificativi del territorio per provenienza o rinvenimento.

Un patrimonio archeologico di importanza internazionale. Diretto da Eva Degl’Innocenti, che ha fortemente voluto il progetto “Fab Lab” (un luogo didattico accessibile a tutti), il MArTA è uno dei trenta musei autonomi promossi dalla riforma voluta dal ministro Dario Franceschini.

 

Lascia un commento