Davide Berardi suona “in casa”. Lunedì è in concerto a Crispiano

Fuori programma nella rassegna Scariche Sonore del Symposium Cafè: in piazza San Francesco va in scena il live del cantautore crispianese fresco di nuovo album

 

C’è un graditissimo fuori programma nella rassegna musicale Scariche Sonore organizzata dal Symposium Cafè di Crispiano. Lunedì 29 agosto piazza San Francesco ospiterà una tappa del tour di Davide Berardi, cantautore crispianese che ha da poco pubblicato il nuovo album “Fuochi e Fate”. Si tratta di undici brani intensi e pieni di passione che raccontano la giostra della vita quotidiana, tra i successi e i fallimenti di ognuno.

Insieme alla voce e chitarra di Berardi, suoneranno Umberto Coviello (batteria, chitarre), Mino Indraccolo (basso) e Antonio Vinci (piano, tastiere). Il cantautore tornerà quindi a suonare a casa sua, dopo l’entusiasmante esperienza del Cellamare Music Festival di questi giorni, che ha raccolto il meglio della musica indipendente pugliese.

Si comincia alle 22, l’ingresso è libero. Per informazioni e per prenotare un tavolo è consigliabile telefonare allo 099.4005927.

Davide Berardi inizia a cantare e suonare la chitarra a quindici anni da autodidatta. Dopo i primi anni di live in cui porta in giro i suoi brani inediti, nel 2008 registra “Cantinaria”, album d’esordio come cantautore.

Nello stesso anno lavora a teatro in “Mondo G”, un omaggio al grande attore italiano e cantante Giorgio Gaber e dal 2009 a oggi in “Io provo a volare!”, un omaggio al grande Domenico Modugno della Compagnia Berardi Casolari con la quale si è esibito in Bolivia, Francia, Slovenia, Argentina, Serbia e nei più importanti teatri d’Italia. Nel 2011 lavora al progetto Appia Ensemble con un album live “Balla Ancora” e tre tour in Italia, Grecia e Olanda.

L’anno seguente pubblica “Chi si accontenta muore”, disco sostenuto da Puglia Sounds, con importanti featuring di Eugenio Bennato, Mario Rosini, Camillo Pace, Roy Paci, Antonello D’Urso e Vince Pàstano.

Nel 2014 ha vinto il premio per il miglior testo alla sesta edizione del Premio Bruno Lauzi con il brano “Indescrivibile” che ha di fatto sancito l’inizio dei lavori per il nuovo album “Fuochi e Fate”, uscito nel giugno del 2016, in coproduzione con la Coop. Soc. Eridano di Brindisi e oltre centoventi sostenitori su Musicraiser.

Nello stesso anno partecipa al disco “Un[folk]ettable two” del pianista jazz Nico Morelli e si diploma in Canto Jazz presso il Conservatorio “G. Paisiello” di Taranto.

Vincenzo Parabita

Addetto stampa Scariche Sonore – Symposium Cafè

 

Lascia un commento