TARANTO. Venerdì 26 febbraio, ore 18.00. “Il futuro della sanità”

Incontro organizzato dall’ associazione per le Città Che Vogliamo  e dal movimento politico “Partecipazione è cambiamento”

A parlarne, insieme a quello che è il futuro della sanità a Taranto, sono stati invitati il consigliere regionale Gianni Liviano; il dott. Giovanni Gorgoni, direttore del dipartimento Sanità della Regione Puglia; Stefano Rossi, direttore generale Asl di Taranto; Giuseppe Romano, presidente commissione Sanità della Regione Puglia. 

I lavori saranno moderati dal dott. Cosimo Nume, presidente dell’Ordine dei medici di Taranto.

“È nostra intenzione – spiega il consigliere regionale Gianni Liviano – capire i princìpi generali del piano di riordino, le novità legislative e i criteri utilizzati per definire nel dettaglio il piano di riordino stesso. Al dott. Gorgoni  chiederemo di illustrare i punti di forza e di debolezza del piano”.

Nella legge di stabilità, infatti, sono state inserite delle norme che integrano quelle già contenute nel decreto ministeriale 70. Ci sono delle nuove norme secondo le quali gli ospedali che non riescono ad avere un’entrata superiore al costo di gestione della struttura, e che hanno determinati parametri, rischiano di andare in piano di rientro. Altre  che mettono nero su bianco che, per quanto riguarda la Regione Puglia, non si può spendere per il personale più di quanto la Puglia ha fatto nel 2004. Significa che non si può assumere personale se non con una deroga.

“Insomma – conclude Liviano – siamo di fronte ad un piano complesso che non sta mancando di sollevare proteste nelle nostre comunità ionica, in particolare, è in quella pugliese, più in generale.  Certo è che adeguare tutti gli ospedali italiani a standard omogenei di assistenza, qualità, sicurezza, efficacia ed efficienza richiede uno sforzo immane che, però, non può derogare dall’applicazione del buon senso”.

Vi Aspettiamo

ricordiamo anche che il calendario delle attività è consultabile su http://con.gianniliviano.it/gli-appuntamenti/ 

per le Città Che Vogliamo
Mimmo Guida

 

 

Lascia un commento