SAVA. “IAIA fa la vittima ma … si oppone alla Commissione d’Inchiesta”

Manifesto del Circolo del Partito Democratico

Amministratori della  “ CE.R.IN. “,  la società che riscuoteva i tributi anche a  SAVA,  vengono accusati,  dalla Magistratura barese,  di  PECULATO dopo circa 2 anni di indagini della  GUARDIA di FINANZA. SI  SAREBBERO APPROPRIATI DEL PUBBLICO DENARO.

II  SINDACO IAIA  mena vanto di aver interessato la Magistratura  di Taranto per SAVA nel Dicembre 2015 , ma si OPPONE  alla nomina della COMMISSIONE  CONSILIARE  D’INCHIESTA richiesta dalla  MINORANZA che possa far luce sui fatti accaduti dal 2013 ad oggi , da quando IAIA  dice di aver cominciato a notificare alla CE.R.IN.  presunte  inadempienze.

La MINORANZA chiede  TUTTA  la documentazione che arriva a “ RATE “ . PERCHE’ ???

e   PERCHE’  dall’avvio delle contestazioni alla CE.R.IN. dal 2013 SI  E’  ASPETTATO  FINO  A  DICEMBRE  2015  PER  REVOCARE  IL  CONTRATTO  ALLA  “ CE.R.IN. “ così agevolando le sue presunte continuate irregolarità gestionali ?

La Magistratura barese sentenzia : “IL COMPITO DEI COMUNI DOVREBBE ESSERE UN MAGGIORE CONTROLLO … LE ATTIVITA’ PREVENTIVE ATTENGONO ALLA POLITICA “.

SI PUO’ ESSERE, PIU’ O MENO, BRAVI AVVOCATI … ma non di CAUSE PERSE      

Lascia un commento