“Il Mare più bello”, la Guida Blu 2015 di Legambiente e Touring Club Italiano, premia sedici località con le “5 vele”: tre sono in Puglia

Maruggio sale da 3 a 4 vele e arriva a un passo dall’eccellenza. Legambiente lancia il contest #laspiaggiapiùbella

Sei diverse  regioni e sei diversi paesaggi compaiono nelle prime posizioni della nuova classifica delle sedici località a  “5 vele” del Mare più bello, l’edizione 2015 della guida alla vacanze di qualità sulle coste dei mari e laghi italiani di Legambiente e Touring Club Italiano. Al primo posto svetta ancora una volta Castiglion della Pescaia (Gr). In seconda posizione troviamo l’incantevole San Vito Lo Capo (Tp), seguita da Pollica (Sa). Al quarto posto Posada (Nu), mentre al quinto troviamo Vernazza (Sp).

Al sesto posto troviamo la prima delle tre “5 vele” pugliesiOtranto (Le), in buona posizione anche per i risultati ottenuti anche in tema di mobilità dolce e razionalizzazione dei consumi.

Al  nono posto si piazza Melendugno, mentre tredicesima è Polignano a Mare.
Revocate invece le 5 vele ad Ostuni (Br), a causa del via libera dato dall’amministrazione comunale al resort extralusso in una zona pregiata del territorio, incompatibile con il modello di ospitalità ostunese costruito in questi anni attraverso la valorizzazione del territorio, la tutela e la conservazione del paesaggio e il ridotto consumo di suolo.

Le località a “5 vele”  rappresentano l’eccellenza italiana nel senso più alto del termine, perché simboleggiano il meglio dell’offerta turistica, della cura dei centri storici e dell’offerta enogastonomica. Non hanno solo la fortuna di custodire un paesaggio straordinario, ma sono anche laboratori di sviluppo, centri di innovazione tecnologica, che praticano esperienze virtuose in tema di rifiuti, energia rinnovabile, agricoltura biologica e valorizzazione corretta dei beni architettonici e culturali. Non è un caso che molte siano nei pressi o all’interno di aree protette 

Ottimo il risultato raggiunto da Maruggio che con le spiagge di Campomarino sale dalle “3 vele” del 2014 alle “4 vele” di quest’anno  e si aggiudica la palma del mare più bello in provincia di Taranto. Complessivamente in Puglia sono 6 le località a 4 vele Ostuni (Br), Castro (Le), Chieuti (Fg), Fasano (Br), Maruggio (Ta) e Nardò (Le).

Sempre in provincia di Taranto si aggiudicano  3 vele la  Marina di Ginosa e Manduria con le spiagge di San Pietro in Bevagna e Torre Columena (che confermano il giudizio dell’anno scorso), insieme ad altre sedici località pugliesi,  mentre Castellaneta Marina si ferma a una sola vela.

La Puglia con le sue 38 località costiere inserite nella guida è seconda solo alla Sardegna

La Guida Blu (264 pagine, in libreria al prezzo di 19.90 euro) è ormai un must dell’estate, uno strumento utile e piacevole che precede e accompagna le nostre vacanze, permettendo di pianificare e personalizzare le scelte e gli itinerari di viaggio sulla base di indicazioni che solo “Il mare più bello” può offrire: le località più belle e più  attente alla sostenibilità ambientale, alla vivibilità e al rispetto del territorio.

Accanto alla Guida Blu Legambiente lancia anche quest’anno il contest #laspiaggiapiùbella con l’invito a scegliere e segnalare entro il 23 luglio – attraverso suo il sito internet (www.legambiente.it/) e sui social network – la spiaggia più bella d’Italia per individuare i dieci lidi più affascinanti, caratteristici e speciali del Belpaese, quelli che hanno fatto della bellezza la propria principale risorsa. Insieme al nome della spiaggia l’associazione ambientalista invita anche a motivarne la scelta, perché la bellezza non è solo un dato estetico

Le motivazioni delle località pugliesi   a 5 vele

Otranto (Le). Sono numerose le iniziative realizzate negli ultimi anni nell’ambito di un’offerta turistica che rispetti l’ambiente e valorizzi il territorio. Il Centro di educazione ambientale del Comune  gestito dal circolo di Legambiente ha realizzato un progetto sul tema dell’acqua, dal titolo “L’oro blu”, e uno sulla biodiversità (“gred on green”). Altre iniziative hanno riguardato il riciclo premiante: più differenzi più risparmi; è stata anche installata una macchinetta in cui smaltire bottiglie di plastica e lattine in cambio di punti e sconti commerciali; è prevista la realizzazione della Casa del Riuso e sono state installate due fontane con l’“acqua del sindaco”. Inoltre, l’amministrazione ha promosso numerose giornate ecologiche e di pulizia delle spiagge e dei fondali organizzate di concerto con le varie associazioni del territorio. Tutto ciò, in attesa dell’istituzione dell’Area Marina Protetta.

Melendugno (Le). Melendugno si riconferma, anche quest’anno, meta didattica molto ricercata da scolaresche provenienti da ogni parte d’Italia. Vincitrice di concorsi nazionali sulle buone pratiche, è nota per la sua politica di trasformazione dei luoghi d’acqua. L’amministrazione ha, infatti, recuperato il canale Brunese e realizzato un bacino di fitodepurazione per il recupero dei reflui a valle del depuratore consortile di S. Foca. Notevole è il risultato ottenuto con la variante al progetto della Strada Regionale 8, che ha consentito di ridurre al minimo l’impatto ambientale, trasformandone il tracciato originario in un percorso più armonioso. Forte l’impegno anche per il recupero del patrimonio ambientale con la riqualificazione dell’intero paesaggio costiero. Le marine di Melendugno diventeranno a breve un vero e proprio Ecomuseo, e tutto ciò grazie alla progettazione partecipata. Negli ultimi anni sono stati realizzati  qualificati interventi di valorizzazione dell’area archeologica di Roca Vecchia, del villaggio di Roca Nuova, della grotta della Poesia e di quella di S. Cristoforo.

 

Polignano a Mare (Ba). Il comune di Polignano a Mare si è caratterizzato per le iniziative a favore della mobilità sostenibile: l’istituzione di isole pedonali serali sempre più ampie, gli incentivi per l’acquisto di biciclette e l’avvio dei lavori per l’ampliamento della pista ciclabile di via San Vito. La raccolta differenziata ha superato il 60% grazie a un servizio di raccolta giornaliera porta a porta di tutti i tipi di rifiuto che copre l’intero territorio comunale. Anche nella tutela delle risorse naturalistiche Polignano ha fatto la sua parte con l’istituzione di un Geoparco delle Grotte, delle Cave e degli Ipogei, con pannelli informativi utili alla fruizione di informazioni didattico-culturali. Ai soggetti diversamente abili, inoltre, è stato facilitato l’accesso al mare mediante una pedana amovibile collocata sulla scogliera di San Vito, con servizio di assistenza quotidiana. Le spiagge invase da banquettes di posidonia oceanica sono state bonificate e i residui destinati a trattamento biologicamente compatibile.

La tabella delle località pugliesi con le rispettive vele.

 

 

Città

Provincia

Posizione

2015

2014

Otranto

LE

=

5

5

Melendugno

LE

=

5

5

Polignano a Mare

BA

5

4

Ostuni

BR

4

5

Castro

LE

=

4

4

Chieuti

FG

=

4

4

Fasano

BR

=

4

4

Maruggio

TA

4

3

Nardò

LE

=

4

4

Andrano

LE

=

3

3

Carovigno

BR

=

3

3

Diso

LE

3

4

Gallipoli

LE

=

3

3

Ginosa

TA

=

3

3

Giovinazzo

BA

=

3

3

Ischitella

FG

=

3

3

Lesina

FG

=

3

3

Manduria

TA

=

3

3

Margherita di Savoia

BT

3

2

Mattinata

FG

=

3

3

Monopoli

BA

=

3

3

Monte San’Angelo

FG

=

3

3

Patù

LE

=

3

3

Porto Cesareo

LE

=

3

3

Salve

LE

=

3

3

Tricase

LE

=

3

3

Ugento

LE

=

3

3

Castrignano del Capo

LE

=

2

2

Gagliano del Capo

LE

=

2

2

Isole Tremiti

FG

=

2

2

Peschici

FG

=

2

2

Rodi Garganico

FG

=

2

2

San Nicandro Garganico

FG

2

3

Santa Cesarea Terme

LE

=

2

2

Vico del Gargano

FG

=

2

2

Vieste

FG

=

2

2

Castellaneta

TA

=

1

1

Trani

BT

1

2

 

 

Classifica località Italia Peninsulare e Grandi Isole 5 Vele

Posizione

Regione Località PR

Vele

1

Toscana Castiglione della Pescaia Gr

5

2

Sicilia San Vito lo Capo Tp

5

3

Campania Pollica Acciaroli e Pioppi SA

5

4

Sardegna Posada NU

5

5

Liguria Vernazza Sp

5

6

Puglia Otranto Le

5

7

Sardegna Domus de Maria CA

5

8

Toscana Capalbio Gr

5

9

Puglia Melendugno Le

5

10

Sardegna Baunei OG

5

11

Basilicata Maratea PZ

5

12

Sardegna Bosa NU

5

13

Puglia Polignano a Mare Ba

5

14

Calabria Roccella Jonica RC

5

15

Campania Camerota SA

5

 

Classifica località Isole minori, 5 Vele

Posizione Regione Località PR Vele 2015

1

Sicilia Santa Marina Salina Me

5

 

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento