TARANTO. In viaggio nella “musica cantata e danzata” con l’Orchestra Magna Grecia

Nel concerto “West Side Story” un viaggio nella musica composta, nel Rinascimento e nel Novecento, per la danza e il ballo con la Brass Ensemble dell’orchestra tarantina

 

Un affascinante viaggio storico nella musica composta, nel Rinascimento e nel Novecento, per le danze e le canzoni: questo è il leit motiv del concerto “West Side Story”, il prossimo appuntamento domenicale della stagione concertistica “XXIII Eventi Musicali” dell’Orchestra ICO Magna Grecia di Taranto.

Il concerto “West Side Story” si terrà domenica prossima, 1° febbraio, alle ore 19.15 nell’Auditorium Tarentum, in via Regina Elena a Taranto; informazioni: Orchestra Magna Grecia, via Tirrenia n.4 Taranto (099.7304422) e via Giovinazzi n.28 (cell. 345.8004520), o Basile Strumenti Musicali, via Matteotti n.14 Taranto (099 4526853), www.orchestramagnagrecia.it.

Sarà un concerto singolare in tutto e per tutto, a partire proprio dall’organico orchestrale che salirà sul palco dell’Auditorium Tarentum di Taranto: diretta da Saverio Vizziello, raffinato e colto musicista, in questo concerto si esibirà infatti la “Brass Ensemble” dell’Orchestra ICO Magna Grecia di Taranto.

È una ensemble di dodici “ottoni” che, con l’accompagnamento di timpani e percussioni varie, vedrà suonare un organico con cinque diverse trombe (un trombino, tre trombe e un flicorno soprano), due corni, quattro tromboni e una tuba.

Nel concerto “West side story” la “Brass Enesmble” eseguirà un programma di brani musicali appositamente composti per la danza o il ballo, un affascinante excursus storico che toccherà principalmente due periodi: il Rinascimento e il Novecento.

Nella prima parte del concerto l’ensemble di ottoni dell’Orchestra ICO Magna Grecia, diretta da Saverio Vizziello, suonerà diversi brani che permetteranno di apprezzare lo sviluppo dei cosiddetti “tempi di danza” nel Rinascimento, un periodo storico in cui nelle corti italiane la danza, con passi e movimenti ben codificati, era ritenuta una vera e propria forma di educazione

Saranno eseguiti, infatti, una suite di “vecchie danze francesi” di tre compositori (Claude Gervaise, Pierre d’Attaignant e Tielman Susato), la “Canzon vigesima settima” di Giovanni Gabrieli, “Trumpet Tune” di Henry Purcell, la “Oxford March” di William Byrd e il popolare “Greensleves” il cui autore è rimasto anonimo.

Nella seconda parte del concerto saranno invece interpretati, in inediti arrangiamenti per ottoni e percussioni composti dallo stesso Saverio Vizziello, due famosissimi brani della metà del Novecento.

Il primo è una suite da “West side story”, uno dei musical più famosi di tutti i tempi rimasto in cartellone per anni più importanti teatri del mondo, poi portato sul grande schermo diventando un film di successo; dalla meravigliosa musica di Leonard Bernstein, Saverio Vizziello ha tratto i principali “episodi musicali” i cui popolarissimi temi saranno facilmente riconosciuti da tutto il pubblico!

Gran finale con la straordinaria “Danza delle spade” di Aram Khachaturian, il più famoso brano del compositore armeno tratto dal quarto atto del balletto “Gayaneh”, in questo concerto eseguito nell’arrangiamento per ottoni e percussioni di Saverio Vizziello.

Il partner culturale e sociale dell’Orchestra della Magna Grecia è Ubi Banca Carime che conferma il suo sostegno convinto per corroborare sul territorio la funzione di una economia integrata al fine di garantire responsabilmente un’alta qualità della vita; l’orchestra è sostenuta da Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Turismo, Shell Italia E&P S.p.A., Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia, Camera di Commercio di Taranto, Regione Puglia, Provincia di Taranto e Comune di Taranto.

Ufficio Stampa Orchestra ICO della Magna grecia

Marco Amatimaggio (cell. 392.9199743) info.stampa@orchestramagnagrecia.it

Lascia un commento