Solidarietà e magia per la chiusura di “Natale nell’Isola”

Ultimo appuntamento per l’Epifania, tra processioni, fuochi e presepi. Dagli ipogei sbuca una grande calza di giochi affidata agli educatori del quartiere

“Natale nell’Isola” saluta la chiusura delle festività natalizie con il suo decimo e ultimo appuntamento stagionale. Un saluto in grande stile, con un’intera giornata di festa in Città Vecchia per un’Epifania assolutamente speciale. Partenza eccezionale in mattinata, a partire dalle ore 10, quando dalla chiesa di San Domenico, salutata da una batteria pirotecnica, le confraternite cittadine porteranno in processione “U Bammine all’erte”.

Suggestiva ed imperdibile la sosta di  mezzogiorno in piazza Castello, con il volo di centinaia di palloncini colorati che saranno distribuiti a tutti i bambini, veri protagonisti dell’Epifania in Città Vecchia e destinatari della grande calza che – per essi – ha preparato “L’Isola che vogliamo”.

Una grande calza che è risultato dei doni di centinaia di concittadini e di avventori della manifestazione natalizia, a cui è stato richiesto un giocattolo-dono per il quartiere. L’ingente quantitativo di giocattoli così raccolto verrà simbolicamente donato nella giornata della discesa dei Re Magi al Centro Ludico Creativo del Sacro Costato. “Non spetta a noi riconoscere i meriti di chi, da sempre, opera sul territorio”, spiegano da L’Isola che vogliamo, “ma nel provare a rendere – da buoni ultimi – un nostro modesto contributo alla valorizzazione del quartiere abbiamo avuto la fortuna di incontrare questa splendida realtà votata alla missione più importante: quella umana che precede ogni ragionamento urbano, turistico, ricettivo e, culturale e storico”. La rassegna organizzata da Camera di Commercio, Isola che Vogliamo, Associazioni Terra e Nobilissima Taranto con il patrocino dell’Arcidiocesi e la partnership del Comune di Taranto proseguita nel pomeriggio. Apertura alle 17.30 per il percorso dei presepi ipogei, con un nutrito numero di manifestazioni collaterali.  In serata dalla cattedrale, dopo la messa delle ore 18, “U Bammine curcate” sarà riportato presso la chiesa di Sant’Agostino con processione lungo la sola via Duomo e sosta alle ore 19.45 circa in piazza Castello, per il grande spettacolo pirotecnico conclusivo delle feste natalizie.

Per l’occasione la banda cittadina “Paisiello” eseguirà le pastorali natalizie. Inoltre per tutta serata piazza Duomo sarà animata dal presepe vivente a cura della confraternita di Santa Maria di Costantinopoli. Da segnalare inoltre la mostra d’arte contemporanea nella chiesetta di Sant’Andrea degli Armeni, la collettiva pittorica e la mostra di presepi nella chiesetta della Madonna della Scala e la rassegna di foto e reperti in tema natalizio della confraternite del centro storico allestita in via Duomo 170.

Gli info point e i botteghini per l’acquisto dei biglietti per l’intero tour degli ipogei (4 euro) saranno ubicati nella galleria del Castello Aragonese, a Palazzo Gennarini (in via Duomo, affianco al “Caffè Letterario”) e presso il Bar “La Piazzetta” in piazza San Francesco.

Il programma completo de “Natale nell’Isola… dei presepi” è consultabile sul sito www.tarantovecchia.it


Lascia un commento