SAVA. L’Associazione “Chiara Melle” ancora una volta ha fatto “Tombola”

Progetto “Crescere nella cultura della legalità”

E non è una metafora! Infatti nei giorni 17 e 18 Dicembre gli alunni delle IV e V classi del plesso“Bonsegna” hanno partecipato ad una tombola “speciale”, una tombola ideata da due catechiste e proposta agli alunni nel contesto più generale del Progetto “Crescere nella cultura della legalità” che si svolge e si svolgerà nel corso di tutto l’anno scolastico presso i vari istituti di Sava.

L’entusiasmo dei ragazzi che controllavano la loro cartella, speranzosi di fare terno e poi tombola, ha contagiato anche noi adulti richiamando i vecchi tempi in cui le famiglie si riunivano durante le feste di Natale in un’atmosfera densa di calore umano e di profumo di cannella.

Dalla tombola della tradizione dei nonni, dove ad ogni numero corrisponde un evento o un personaggio, a quella proposta dall’Associazione dove la cabala lascia il posto alla riflessione sulle problematiche attuali e sulla necessità di interiorizzare le regole, anche la più semplice, del vivere civile e religioso.

E la parola “bullo” non poteva essere trascurata, anzi ha suggerito di coniarne una nuova: sbullo !

E i ragazzi hanno ben compreso che essere “sbulli” significa essere capaci di rispettare  “le regoline” e crescere nella cultura della legalità.

E’ proprio questo l’obiettivo che l’Associazione “Chiara Melle” persegue con impegno, dando prova di ammirevole coesione dei suoi soci e di perfetta organizzazione delle attività.

Ognuno nel suo piccolo e valorizzando il proprio talento, mette a disposizione competenza, estro, fantasia.

E anche per una semplice tombola si è mosso un apparato organizzativo: uno schermo su cui venivano proiettati numeri e pensieri ad essi collegati; soci dell’Associazione che sostenevano l’operato degli insegnanti con la loro presenza discreta e fattiva.

In questo clima festoso e ludico, ma di grande calore umano, siamo sicuri che matureranno i semi di una più sana vita umana e spirituale, vivificati dalla speranza.

Grazie alla scuola, I.C. Bonsegna –Toniolo, che, sempre sensibile, ha aperto ancora una volta le sue porte alla cultura..

Wilma, Anna, M.Luisa






Lascia un commento