GROTTAGLIE. Cave di Fantiano. L’Elisir d’Amore

Torna la grande opera lirica del Festival Musicale Città delle Ceramiche dell’associazione Domenico Savino. Il 13 agosto il Melodramma giocoso in due atti di Gaetano Donizetti. Con Maurizio Lomartire – direttore, Gerardo Spinelli – regia, Orchestra Filarmonica Onivas, Coro Lirico Incanto Bari

La grande opera lirica è nuovamente protagonista del Festival Musicale Città delle Ceramiche. Mercoledì 13 agosto, alle ore 21.00, a Grottaglie, nelle cave di Fantiano, si recupera l’appuntamento de ‘L’Elisir d’Amore’ di Gaetano Donizetti. Lo spettacolo non si è svolto lo scorso 10 luglio a causa del maltempo e fa parte del cartellone del ‘Festival musicale Città delle Ceramiche’ promosso dall’associazione musicale Domenico Savino. Il festival è andato in scena nello scorso luglio con 14 appuntamenti e nomi di spessore internazionale, dal grande successo de “La Traviata” di Giuseppe Verdi a spettacoli con artisti del calibro di Vinicio Capossela, Luis Bacalov e la violinista Francesca Dego. La tappa agostana può essere considerata a tutti gli effetti un ‘prolungamento estivo’ della rassegna che ha conseguito un buon successo di pubblico e di critica.

L’Elisir d’Amore, melodramma giocoso in due atti, è una delle opere più famose di Gaetano Donizetti. La direzione sarà affidata al M° Maurizio Lomartire. La regia è di Gerardo Spinelli, suoneranno l’orchestra Filarmonica Onivas con le voci del Coro Lirico Incanto di Bari. Interpreti: Lucia Conte (Adina), Federico Buttazzo (Nemorino), Carlo Rotunno (Belcore), Gerardo Spinelli (Dulcamara), Antonella Orofino (Giannetta). Maestro del coro Francesco Lorusso, maestro al pianoforte Alessandra Corbelli, maestri sostituti Teresa Balacco e Angela Pascale, scene di Laura Castellano, Costumi de ‘Il Sipario – Casamassima’, Direttore di palcoscenico Rocco Cristantielli, tecnici di scena Roberto Radogna, Giovanni Spinelli, Donato Balacco.

L’Elisir d’Amore è l’opera più famosa di Gaetano Donizetti, considerata un capolavoro del melodramma giocoso e molto amata dal pubblico. Rappresentata per la prima volta a Milano nel 1832, è un’opera buffa in due atti ispirata alla commedia ‘Le Philtre’, di Eugène Scribe, su libretto di Felice Romani. Un affresco dell’epoca preciso e vivace, con una caratterizzazione nitida dei personaggi e una lettura già psicologia degli stessi. La struttura è quella del repertorio lirico comico, con una giocosità che spesso vira sull’ironia, delineando modi e comportamenti; ma in Elisir D’Amore c’è anche spazio per il pathos, lo struggimento: vero e proprio melodramma che trova il suo più grande esempio nella romanza cantata da Nemorino, ‘Una furtiva lagrima’. La melodia è quella tipica di Donizetti, che mette in risalto la vena buffa dell’opera alternando a questa accenti malinconici.

Il Festival musicale Città delle Ceramiche è organizzato dall’associazione musicale Domenico Savino (direttori artistici i maestri Paolo Cuccaro, Pierpaolo De Padova e Giuseppe Riccio), gode del patrocinio della Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo, della Provincia di Taranto, del Comune di Grottaglie, di Puglia Events, del Gal Colline Joniche e dell’Endas Puglia e del sostegno del Lions Club di Grottaglie e dell’associazione culturale Koiné. Media partner Studio 100 tv.

Ingresso alle Cave di Fantiano alle ore 20, inizio alle ore 21.00

Biglietti: 25 euro (platea), 20 euro (gradinata), in prevendita o al botteghino.

Per l’acquisto dei biglietti in prevendita contattare l’associazione Domenico Savino ai numeri di telefono 3407949618- 3392360993

E-mail: ass.musicaledomenicosavino@gmail.com www.associazionedomenicosavino.it

l’Ufficio stampa

Anna Rita Palmisani

329.2930197

ufficiostampadomenicosavino@gmail.com

 

 

Lascia un commento