UGGIANO MONTEFUSCO (frazione di Manduria). Potenziamento della centrale elettrica

Preoccupazione e lamentele tra i cittadini

Da diversi giorni ormai alle porte del piccolo centro di Uggiano Montefusco è sorta una “trincea” al cui interno sono stati impiantati degli enormi accumulatori che a quanto pare dovrebbero servire a raccogliere migliaia di watt dell’energia elettrica rinveniente da un impianto di “pale eoliche” in fase di realizzazione nelle campagne della contrada “Capriola” ricadente tra il Comune di Sava e Manduria.

Tutto ciò si apprende da un cartello messo all’esterno del cantiere dove si legge: Committente: “Sava Energia Srl.”; “Lavori di Impianto Eolico Località Capriola”; “Autorizzazione Unica 233/2011 (sprovvista della data di rilascio).

Mi sono recato nella contrada “Capriola” che dista circa 15 km. dal cantiere di Uggiano Motefusco, dove ho potuto verificare l’avvenuta spianatura di tre aree agricole sino a qualche mese fa coltivati ad uliveto dove, al posto degli alberi secolari abbattuti con il consenso retribuito dei proprietari dei terreni sono state create le basi per l’installazione delle pale che si ergeranno sino a circa 100 metri di altezza.

Questi “giganti” potranno produrre “energia pulita” però credo che tutto ciò sarà a favore dei pochi e a discapito dei tanti, ma soprattutto qualcuno vorrà dare delle risposte che possano rassicurare gli “uggianesi” (e non solo) preoccupati per le conseguenze sulla salute che potrebbero causare le “onde elettromagnetiche” degli enormi accumulatori già installati in “sordina? In fondo al cartello infisso all’esterno del cantiere vi è una didascalia dove si legge: “INFORMAZIONI SULL’OPERA POSSONO ESSERE ASSUNTE PRESSO L’UFFICIO COMPETENTE”. C’è un problema però, manca l’indirizzo e il numero telefonico a cui rivolgersi, e allora: non sarebbe forse il caso che qualche autorità politica, magari anche con un comunicato stampa desse maggiori chiarimenti sulla vicenda?

I cittadini di Uggiano Montefusco (e non solo loro) attendono risposte.

Mimmo Carrieri

Lascia un commento