A Taranto Enrico Bronzi per “Tchaikovsky-Brahms II”

Martedì 8 aprile (sipario ore 21.00), al Teatro Orfeo di Taranto

In questo concerto sul palco si saranno due straordinari “primi violoncelli”, solo che uno, per dovere di ospitalità, prenderà la bacchetta e dirigerà da par suo l’Orchestra della Magna Grecia, lasciando il compito di stupire il pubblico al violoncello al suo collega-ospite.

Questo è il leit-motiv di “Tchaikovsky-Brahms II”, il secondo concerto di un ambizioso progetto dell’Orchestra Magna Grecia che vuole mettere a confronto le produzioni differenti di due grandissimi compositori: i concerti del russo Pyotr Ilyich Tchaikovsky e le sinfonie del tedesco Johannes Brahms.

Sarà Luigi Piovano, “primo violoncello” dell’Orchestra di Santa Cecilia di Roma e direttore di livello internazionale, a dirigere l’Orchestra ICO della Magna Grecia, mentre come solista sarà ospite Enrico Bronzi: già “primo violoncello” della Scala, titolare della cattedra di violoncello al Mozarteum di Salisburgo, ha suonato in teatri di prestigio, come la Carnegie Hall di New York, anche sotto la direzione di direttori come Claudio Abbado o Christoph Eschenbach.

In “Tchaikovsky-Brahms II” saranno eseguite la monumentale Sinfonia n. 1 in Do minore Op. 68 di Johannes Brahms, e le “‘Variazioni su un tema Rococò” per violoncello e orchestra in La maggiore, op. 33 di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Il concerto “Tchaikovsky-Brahms II” della XXII Stagione Concertistica “Eventi musicali” di Taranto dell’Orchestra ICO della Magna Grecia si terrà martedì 8 aprile (sipario ore 21.00), al Teatro Orfeo di Taranto, un evento reso possibile anche grazie al sostegno di I&S Group S.P.A.; info a Taranto Orchestra Magna Grecia, via Tirrenia n.4 (099.7304422) www.orchestramagnagrecia.it, e Basile Strumenti Musicali, via Matteotti n. 14 (099 4526853).

Le “‘Variazioni su un tema Rococò” per violoncello e orchestra in La maggiore, op. 33 è un brano fantasioso di Pëtr Il’ič Čajkovskij, che richiede al solista un notevole impegno virtuosistico, scritto dal compositore russo ispirandosi ai canoni del Settecento e, più in particolare, a Mozart.

In questo brano il tema viene sviluppato dal violoncello in sette variazioni intercalate da interludi orchestrali e da cadenze: si alternano così cantilene fresche e gioiose dalle pastose sonorità, a momenti elegiaci e malinconici, con passaggi di bravura che coinvolgono il solista e l’orchestra destando l’interesse e lo stupore dell’ascoltatore.

Nella seconda parte del concerto sarà eseguita la Sinfonia n. 1 in Do minore Op. 68 di Johannes Brahms; sul podio a dirigere l’Orchestra della Magna Grecia ci sarà Luigi Piovano, primo violoncello dell’Orchestra di Santa Cecilia, che da diversi anni ha intrapreso una prestigiosa carriera come direttore d’orchestra, tra l’altro da due anni è direttore musicale dell’Orchestra della Magna Grecia che ha già diretto in numerosi concerti.

Tra i primi abbozzi della Sinfonia n. 1 in Do minore Op. 68, alla sua prima esecuzione nel 1876, trascorsero oltre venti anni, una stesura portata avanti da Brahms fra mille indecisioni, ripensamenti e correzioni, sempre ispirandosi alla orchestrazione beethoveniana. Non a caso il famoso critico Hans von Bulow al suo apparire salutò questa sinfonia come la “decima di Beethoven”, indicando così in Brahms l’erede artistico del grande compositore tedesco.

Il partner culturale e sociale dell’Orchestra della Magna Grecia per la Stagione 2013-2014 è Ubi Banca Carime; la Stagione Concertistica “XXII Eventi Musicali” è sostenuta da Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Turismo, Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia, Camera di Commercio di Taranto, Regione Puglia, Provincia di Taranto, Programma Sviluppo Taranto, Confindustria Taranto, Comune di Taranto, Shell Italia E&P S.p.A., I&S Group e Fondazione Oro 6 per il Sociale.

Ufficio Stampa Orchestra ICO della Magna grecia

Marco Amatimaggio (cell. 392.9199743) info.stampa@orchestramagnagrecia.it

 

Lascia un commento