Giusy Caraccio: “Ma, il Direttore mi ha spronato a non mollare la presa, con gentilezza a volte e durezza altre …”

Viv@voce. Un pezzo di questo giornale si stacca verso lidi più ambiti

“C’è chi da bambina sogna di diventare una ballerina capace di danzare leggera come la neve, io ho sempre sognato di diventare una scrittrice. Crescendo purtroppo, come spesso accade, le vicissitudini prendono il sopravvento su i buoni propositi e le aspirazioni. Mai disperare però, perché quando meno te lo aspetti, la vita può riservarti incontri inattesi e capovolgenti. A me è successo; ho incontrato una persona che ha creduto in me e  mi ha teso una mano  incitandomi  a venire fuori dal limbo della routine cerebrale e tirar fuori le aspirazioni appisolate.

Ho iniziato a seguirlo come praticante giornalista, a scrivere per Giovanni Caforio sul Periodico Viv@voce, imparando da lui.

Lentamente  ho intrapreso il percorso di crescita, commettendo errori, raccogliendo  lusinghe e  abbagli e provando emozioni contrastanti.

Mille e mille volte ho pensato  di  non esserne  capace e  che sarebbe stato meglio mollare tutto ma, il Direttore  mi ha spronato a non mollare la presa, con gentilezza a volte e durezza altre.

Sono passati  anni da quel difficile inizio e quando due giorni fa mi è stato consegnato il tesserino dell’Ordine Giornalisti e riconosciuto ruolo di Giornalista Pubblicista mi è salito sulle labbra un sorriso.

Ora sono una Giornalista, una parte del sogno da bambina si è avverato, ed è giusto, doveroso e sincero  il mio ringraziamento al Direttore Caforio.

Giovanni grazie per aver condiviso la sfida!”

Giusy Caraccio

 

 

Lascia un commento