RACCONTI / 10. “Tegnu nà morra ti pecuri mò. Ca cè ti crìti?”

Un ventennio fa fui testimone diretto di questo incontro tra due amici, i quali alcuni anni prima lavoravano assieme, nello stesso cantiere,  nell’edilizia e facevano i carpentieri

Ci incontrammo  a Fragagnano,  io ed uno di questi due,  e  ci recammo al Bar per prendere un caffè. Entrati nel Bar subito, quello che era con me,  nota una faccia a lui conosciuta. Si chiamano per nome, Gaetano e Antonio, e si raccontano il tempo del dopo Cantiere.  Ecco il dialogo, strettamente in dialetto …

Gaetano: “Ntò? Jìà li murtacci tua!”

Antonio: “Jìà Catano ò!”

Gaetano:  “Comu stani, aìa motu cà nò nì vitemmu …”

Antonio: “Srai ca erunu nà ticina tanni Catà?”

Gaetano: “E chiù o menù dà stamu. Mbè comu vai la carpenteria?”

Antonio: “Catà? Nò fazzu chiui lu carpentieri. Aggià spicciatu cu cuddu mestieri”

Gaetano: “E mò cè sta fani?”

Antonio: “Lu picuraru ”

Gaetano: “Pillamà tlà carpenteria alli pecuri, e che cazzu propria. Am propria stà dini?”

Antonio: “Sini. Stou buenu mò Catà”

Gaetano: “E dì quantai ca à cambiatu mestieri?

Antonio: “Ai cincu o sei misi”

Gaetano: “E quantu pecuri tieni Ntò? ”

Antonio: “Nà morra Catà (morra è una moltitudine di pecore. spesso è un centinaio, ndr)”

Gaetano: “Na morra? ”

Antonio: “Si Catà, nà morra ni tegnu”

Gaetano: “E comu à ziccatu cu ni tieni tanta pecuri ntrà sei misi? ”

Antonio: “Comu aggià ziccatu? ”

Gaetano: “Si, comu à ziccatu? ”

Antonio: “Ziccai cu sei pecuri … ”

Gaetano: “Mbè? ”

Antonio: “Puei sà come eti, no? ”

Gaetano: “Comu eti? ”

Antonio: “Na pecura tira lotra …”

Lascia un commento