RACCONTI / 4. SGARRA LA MURAJIA E SUCCETI NA’ TRAGEDIA: MORUNU CINCU OPERAI

N’operaiu scampatu alla disgrazia arrìa a casa e conta tuttu alla mujieri e quedda li tici: “Certu però, ca quannu stai ti guadagnà tu nò ncì stani mai!”

I FATTI: in un immaginario cantiere stavano edificando una grande muraglia in tufi. Un vento assassino, con forza impetuosa, la fa demolire. Risultato: 5 operai vengono travolti dai manufatti e muoiono. Finite le ispezioni di rito, gli operai tornano a casa. Comprensibilmente provati dall’accaduto. Seguiamo l’arrivo a casa di un operaio in particolare. Scuro in volto e senza la forza di parlare la moglie lo guarda.

Moglie: Cè ani?

Operaio: Oscji è successa nà disgrazia!

Moglie: E cè jiè successu?

Operaio: Stà fatiammu alla murajia e nà utata di ientu furgulu  le fatta sgarrà.

Moglie: E mbè?

Operaio: E mbè … onnà muerti cincu operai tlà ditta mia.

Moglie: Mamma mia cè uai. E quiddi povri famjii, la mujieri li fili …

Operaio: Bruttu propria mujieri mia.

Moglie: E mò cè succeti alli vedovi?

Operaio: Meno mali ca stai l’assicurazioni ca pajia tutti cosi.

Moglie: Puru quiddi ca onnà muerti?

Operaio: Sini, quiddi sò li primi.

Moglie: E quantu li tonnu?

Operaio: Li tonnu na bella penzioni e la buonauscita.

Moglie: E quantu, si pò sapì?

Operaio: Mi stà diciunu alla fatìa, toppu la disgrazia, ca alli mujieri li tonnu la penzioni ti 2000 euru lu mesi e chiui 400 mila euro pi la morti.

Moglie: E tu … dò stieri?

Operaio: Menu mali, mujieri mia, ca merunu mannatu allu negoziu cu và fazzu li panini. Menu mali. Ci nò puru iu era cappatu dà sotta e era muertu.

Moglie: Menu mali, no?

Operaio: Ngraziamu Dddiu, ci nò  oscji nò mieri vistu turnà cchiui a casa. E nò tera istu cchiui a tei e alli piccinni nuestri.

Moglie: Certu però ca sinti furtunatu sa?

Operaio: Piccè?

Moglie: Ma quannu stai ti guadagnà tu nò ncì stani mai!

Giovanni Caforio

 

Lascia un commento