IL NOSTRO PESCE D’APRILE, A DIFFERENZA DEGLI ALTRI PESCI, E’ STATO SINGOLARE. POI E’ STATO “PESCATO” IN VICO CARACCIO I …

In tantissimi ci sono cascati. E questo, è stato bello!

Quasi nessuno avrebbe immaginato che la concomitanza della Pasquetta cadesse con il 1° aprile, giorno classico del pesce. E quindi quando bisogna costruire una burla è giusto che sia credibile. Almeno a primo acchito. Ci siamo riusciti per alcune ore su questo. Tantissimi su facebook, in privato, chiedevano conferma delle dimissioni del sindaco. Pochissimi, a dire la verità, in pubblico avevano avuto il sentore della burla e messo in parallelo Pasquetta con il 1° aprile.

Commenti questi che, per ragioni di durata dello scherzo, li ho rimossi e chiamando in privato i più lesti ho detto loro che era sì un pesce d’aprile ma che era presto per dirlo a tutti. Quindi, come dire “statevi zitti fin che potete, poi dopo si vede …”. quindi nella burla c’erano moltissimi tasselli che, se letti attentamente, portavano a suscitare perplessità sulla veridicità dell’articolo. Io dal canto mio, per dare maggiore credito alla notizia, ho fatto anche l’editoriale in modo da dare più corpo a tutto il castelletto creato. Ha retto per alcune ore questo, il cellulare suonava di continuo tanto che ho dovuto staccarlo a furia di ripetere le stesse cose.

Arrivato in Piazza San Giovanni verso le 11.30 i sorrisini si sprecavano e tutti a chiedermi “ma è vero che il sindaco IAIA si è dimesso?” Ha fatto molto piacere questo pesce d’aprile savese, così seguito da moltissimi a Sava. Segno questo che il nostro giornale viene seguito da tantissimi lettori sul web (sito e facebook) alla faccia di qualche caprone, politico o amministrativo, che prova in tutti i modi di tagliarci le gambe! Ma siamo duri. Noi, gli altri non so che durata avranno.

Questo è Viv@voce, può piacervi o non piacervi, ci importa ben poco del parere degli altri. Il confronto sì, quello lo accettiamo e accettiamo anche la sfida con chi amministra questo paese. Quest’ultimo è stato investito di tantissima fiducia da parte di tutti noi, Viv@voce compreso, e sono i fatti o le azioni amministrative che ci diranno se avevamo visto bene o sbagliato in questa amministrazione.

I fatti, a tutt’oggi ci dicono questo: “Devono fare di più, possono (se vogliono, ndr) fare di più!” Forse una verifica del primo cittadino sulla tenuta di questa squadra amministrativa va fatta. Poi, possono anche non seguire le nostre indicazioni, tanto non siamo titolati politicamente. Ma lo siamo nel campo delle opinioni. Quello sì. E l’opinione oggi, diffusissima, in questo paese è questa: “Quisti sò pescjiu tì lotri ca sterunu prima”.

E su questo che l’amministrazione IAIA deve decidere la sua sorte …

Giovanni Caforio

Lascia un commento