ARCI CALYPSO SAVA. PASQUA LAICA

Pasqua laica, primavera, rinascita. Convivialità, multiculturalità, festa

Basterebbero queste sei semplici parole per far capire immediatamente cosa noi, dell’Arci Calypso, abbiamo in mente per tutti i nostri soci e compagni di viaggio, durante il week-end pasquale.
Tre giorni dove la parola d’ordine sarà UNIONE: di intenti, di ideali, di diversità, di mani, di sapori, di suoni e immagini. Tre giorni in cui apriremo lo sguardo su una realtà diversa dalla nostra, immergendoci in situazioni quasi surreali, (im)portando nel nostro piccolo cortile savese, vari pezzi di mondo: dall’Africa del Nord a quella subsahariana, sino a toccare Berlino e il suo underground, ma senza mai staccarci dalla nostra amata Puglia.

E questi, signori, sono i nostri giardini: I GIARDINI DI CALYPSO.

*** PROGRAMMA ***

Giovedi 28 Marzo dalle 17:
• mercatino del piccolo artigianato e delle autoproduzioni
• laboratorio interculturale per bambini
• Incontro/confronto con Arci Calypso, Martina Leo e Francesco Tassara e la comunità senegalese “Book Yakaar”.
• Inaugurazione mostra fotografica: “DOPOLAVORO/Nero” a cura della fotoreporter Martina Leo (http://espresso.repubblica.it/multimedia/lista/fotogallerie/32370972).
• Mostra fotografica “Le città invisibili” di Valerio Saracino.
• laboratorio di cucina e cena etnica – con contributo – offerta dalla comunità senegalese “Book Yakaar”
• JAM SESSION AFRO (portate i tamburi!), DANZE E COLORI.

Venerdì 29 Marzo ore 20:
• Apericena
• Proiezione Film: “Una storia d’amore: La Piazza” di Francesco Tassara (La Spezia, presente l’autore) – http://www.youtube.com/watch?v=7SLDUKxZYV8
• musiche dal mondo.

Sabato 30 Marzo ore 22:
Festa finale al Laboratorio Urbano Mediterraneo
• POPULOUS dj- set (Morr Music – Berlin)
Populous è lo pseudonimo sotto il quale si nasconde il DJ e producer salentino Andrea Mangia. A metà strada fra hip-hop, elettronica e reminescenze beat-jazz, nel giro di qualche anno, e poco più che ventenne, si guadagnato una nomea a livello internazionale.Lo conferma il contratto con la prestigiosa etichetta berlinese Morr, sotto la quale, nel 2002, fa il suo esordio discografico con l’album “Quipo”. Sempre nel 2002, con lo pseudonimo Cable Corp., realizza un disco per la cuneese Betulla Records, “Save The Records”. Osannato dalla critica specializzata come il giovane musicista in ambito elettronico più promettente della penisola, torna nel 2005 con “Queue For Love”, un disco che si avvale della collaborazione di Matilde Davoli, vocalist degli Studio Davoli, e di Dose One del gruppo hip-hop cLOUDDEAD. L’elettronica e l’hip-hop sono l’ossatura portante anche di questo lavoro: Mangia affina però la ricerca sonora, ricorrendo all’uso di chitarre, e-bow e glockenspiels, e riportando alla luce, in alcuni passaggi, il Brian Eno dei tempi migliori.
(https://soundcloud.com/populous)

•Opening act – RASEP (https://soundcloud.com/antonio-pesare)

Tre giorni aperti alla convivialità. Tre giorni nei quali vorremmo che la diversità fosse sinonimo di unità. Tre giorni di festa. Tre giorni ai quali non puoi mancare, insomma!

(INGRESSO – solo per la serata del 30, il resto è free che più free non si può – 3 EURO AGLI AMATI SOCI // 4 EURO A CHI PERSEVERA NEL NON AVER LA BENEAMATA TESSERA, CHE E’ PURE UN BEL FATTO DA SFOGGIARE NEL PORTAFOGLI!)

 

 

Lascia un commento