COMUNICATO STAMPA. “IL SISTEMA SANITARIO E IL DEBITO PUBBLICO”

Oggi 26 Gennaio ore 16,30 Salone di Rappresentanza – Provincia di Taranto

L’Unione Europea, costituitasi di fatto su un’unione monetaria, disciplinata dai trattati europei, si sta trasformando, con i suoi diktat, in un sepolcro per i diritti inalienabili dell’uomo.
Imporre l’euro come un’istituzione che viene prima dei diritti costituzionali e della sovranità degli Stati è un errore, voluto, di contabilità, che avvantaggia le oligarchie transnazionali a danno dei lavoratori e dei cittadini (al grido di “lo chiede l’Europa”). Una moneta a cambio fisso come l’euro e la politica di austerità promossa dalla UE, rafforzata con il MES e il Fiscal Compact, associata alla crisi economica mondiale, sta portando gli Stati Europei ad una recessione gravissima, che di fatto si tradurrà in uno smantellamento della democrazia e dello stato sociale (vedi Grecia) e ad una svendita del patrimonio pubblico e privato. Noi riteniamo che la soluzione alle politiche della UE sia la riconquista della Sovranità Nazionale, ad iniziare da quella monetaria, e la valorizzazione della nostra Costituzione, che rappresenta ancora adesso una delle espressioni più alte ed universali della vera Democrazia e della disciplina dei trattati economici.

Programma Interventi:
“ Il Sistema Sanitario Nazionale e il debito pubblico
Dott. FRANCESCO LINCESSO –
Medico neurologo ASL Taranto
Socio ARS

“Crisi economica e perdita della sovranità”
Prof. STEFANO D’ANDREA –
Professore associato di Diritto Privato,
Facoltà di Economia, Università della Tuscia
Presidente ARS

Lascia un commento