SAVA. CIMITERO. NESSUN INTERVENTO DEI CARABINIERI E NESSUNA EMERGENZA

Intervengono sul tema del  cimitero il Sindaco Dario Iaia ed il Consigliere delegato ai Servizi cimiteriali Mario Mancino che chiariscono quale è la situazione oggi: “In questi giorni stanno circolando notizie del tutto false ed infondate relative ad un presunto blocco delle tumulazioni”

“In particolareproseguono  il Sindaco ed il Consiglierenon corrisponde assolutamente al vero la notizia riportata dal sig. Cosimo Carrieri in merito al fatto che a Sava le tumulazioni siano in fase di stallo. E’ sufficiente recarsi al cimitero in questi giorni per appurare come si stiano effettuando regolarmente e  di come non vi sia, ad oggi, alcuna emergenza. È vero che i loculi comunali sono terminati, ma  ugualmente non vi sono problemi, perché  si sta tumulando in cappelle di privati che hanno dato il loro consenso e si sta provvedendo ad effettuare le estumulazioni al fine di liberare quanti più loculi possibile”.

“È, inoltretuona il primo cittadinoassolutamente falso quanto affermato dal Carrieri il quale ha riferito che, dopo l’intervento dei carabinieri, una tumulazione sarebbe stata rinviata e questo semplicemente perché non vi è stato alcun intervento dei carabinieri, così come può tranquillamente confermare lo stesso Comando”.

“In piùproseguono Iaia e Mancini –  non vi è alcuna cappella ipogea comunale pericolante.  Semplicemente all’interno del cimitero opera una cooperativa, l’Aurora, che ha segnalato una presunta situazione di pericolo, tutta da verificare, e della quale gli uffici hanno preso atto. Tutto qui.”

“Intanto, iericommentano il sindaco ed il consigliere delegatoabbiamo effettuato un sopralluogo presso il Campo Santo ed abbiano potuto appurare che, al di là degli inutili allarmismi, la situazione è nella norma ed, oggi sono stati effettuati i lavori di pulizia di quelle aree che necessitavano di un intervento in tal senso. La prossima settimana inizieranno i lavori per la realizzazione del nuovo colombario comunale che per, motivi burocratici, avevano subito un ritardo. Dunque, nessuna emergenza. Noi andiamo avanti, rimanendo disponibili a collaborare con chi vuole operare per il bene del nostro territorio”.

Lascia un commento