PENA DI MORTE: CRESCE ALLE NAZIONI UNITE IL SOSTEGNO ALLA MORATORIA

Amnesty International ha definito ‘un altro chiaro segnale che il cammino verso l’abolizione della pena di morte e’ inarrestabile’ il voto con cui, il 19 novembre, il III Comitato dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato il testo della risoluzione, la quarta dal 2007, per una moratoria sulle esecuzioni. La risoluzione sara’ votata dall’Assemblea generale in sessione plenaria a dicembre.

La risoluzione, sponsorizzata da 91 paesi, ha ottenuto 110 voti a favore (uno in piu’ rispetto al 2010), 36 astensioni e 39 voti contrari.

Tra i paesi che per la prima volta hanno dato sostegno alla risoluzione figurano Niger, Repubblica Centrafricana, Sud Sudan e Tunisia. Afghanistan, Indonesia e Papua Nuova Guinea, che avevano votato no nel 2010, si sono astenuti. Al contrario, Oman e Mauritania hanno ritirato il sostegno dato nel 2010 alla risoluzione, mentre Maldive e Sri Lanka sono passati dal voto favorevole all’astensione.

Amnesty International sta svolgendo una campagna in favore della richiesta di moratoria sulle esecuzioni da parte delle Nazioni Unite in vista dell’abolizione della pena di morte.

L’organizzazione per i diritti umani sollecita tutti gli stati membri delle Nazioni Unite a sostenere la risoluzione in occasione del voto in plenaria. I paesi che ancora mantengono la pena di morte dovrebbero immediatamente istituire una moratoria sulle esecuzioni, come primo passo verso la completa abolizione.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 20 novembre 2012

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail press@amnesty.it

Leggi tutti gli altri comunicati stampa all’indirizzo:

http://www.amnesty.it/archivio-tutte-news-comunicati.html

Lascia un commento