SAVA. PIAZZA RISORGIMENTO O PIAZZA ESAURIMENTO?

Da quattro mesi i lavori vanno al rilento o, addirittura sono fermi

Con una partenza sprint, in piena campagna elettorale per le nostre scorse amministrative del passato maggio 2012, veniva eretta la recinzione protettiva di tutta l’aera di Villa Risorgimento. In meno di due giorni ecco pronto lo steccato con il suo cartello di inizio lavori. Ah, in piena campagna elettorale questo colpo di coda viene letto bene dall’elettore savese: ma a chi volte prendere per il culo voi? Avete avuto cinque anni in cui avete fatto tutto quello che avete voluto, per voi, ed ora ve ne uscite con questa barzelletta? Il savese non è stato fesso, non ha abboccato all’amo degli arroganti e degli strafottenti i quali credevano che bastava buttare un pò di fumo negli occhi e il gioco funzionava anche stavolta. Così non è stato. Diciamo che questo fa parte del passato.

Diciamo così, è meglio. Ai giorni nostri e dalla data dell’inizio dei lavori da parte della ditta appaltatrice, il cartello riporta fedele fedele il 2 maggio 2012, a tutt’oggi sebbene sono passati 4 mesi lo stato dei lavori è al singhiozzo o addirittura fermo. Quello che è stato fatto fin’ora? Oltre alla vergognosa recinzione messa in piena campagna elettorale, è stata demolita la vecchia vasca e collocati all’interno dell’area soggetta a ristrutturazione dei blocchi di cemento i quali dovrebbero servire da cordoli per i vialetti. E il resto? Nulla! Sono passati quasi quattro mesi e non è stato fatto nulla di tanto rilevante. Fra meno di un mese la Scuola elementare aprirà i battenti e proviamo ad immaginare l’enorme disagio che verrà recato a tutta la popolazione scolastica. La domanda che ci poniamo è questa: c’è una direzione dei lavori? Certo che c’è, è scritta sul cartello. E allora? Perchè non si attiva sull’Impresa a far sì che i lavori riprendano come è giusto che sia. Ci sono delle penali sul contratto stipulato tra il nostro Comune e l’Impresa? Bene se ci sono, e qui chiederemo immediatamente gli atti, che vengano  immediatamente messe le mani sul contratto, e fatto rispettare. Uno stuolo di tecnici è scritto sul cartello. A che servono allora? All’incasso delle loro parcelle professionali da esibire al nostro Comune? Solo a questo servono? Ah dimenticavo … i lavori iniziano il 2 maggio 2012 ma non è scritto quando finiranno!!!

Giovanni Caforio

Lascia un commento