ILVA. SOLDI E CASSE DI CHAMPAGNE PER AMICI, PRETI E GIORNALISTI

C’è la banda di Crispiano e la parrocchia Santi Angeli Custodi di Taranto. Il Lions club di Taranto e il Politecnico di Bari. Tutti inseriti, insieme a società sportive, comitati festeggiamenti ma anche due note enoteche dalle quali partivano casse di champagne per giornalisti e rappresentanti delle istituzioni ogni fine anno, nelle due pagine della voce «omaggi e regalie» del bilancio dell’Ilva finite nell’inchiesta della Guardia di Finanza per corruzione in atti giudiziari che vede indagati a piede libero il vicepresidente del gruppo, Fabio Riva; l’ex direttore dello stabilimento siderurgico, Luigi Capogrosso; l’ex consulente dell’Ilva per l’ecologia e i rapporti istituzionali, Girolamo Archinà e l’ex consulente della Procura di Taranto, Lorenzo Liberti, già preside del Politecnico.

I documenti sono stati acquisiti dai militari delle Fiamme Gialle per ricostruire il flusso di denaro dall’Ilva all’esterno e dunque capire se i diecimila euro che Archinà chiese all’amministrazione di preparare in fretta e furia il 25 marzo del 2010 erano destinati all’allora vescovo Benigno Luigi Papa per la Pasqua di quell’anno, come l’llva ha sempre sostenuto, oppure se invece erano per il professor Lorenzo Liberti, allora consulente del pm Mariano Buccoliero, incontrato da Archinà il 26 marzo sempre del 2010, nell’area di servizio di Acquaviva delle Fonti, sull’autostrada Taranto-Bari. Liberti, difeso dagli avvocati Francesco Paolo Sisto e Vincenzo Vozza, ha respinto sia nell’interrogatorio tenuto dinanzi al pm Remo Epifani che nella memoria depositata al gip Giuseppe Tommasino, l’accusa, sostenendo di aver sì ricevuto una busta bianca da Archinà – d’altronde le immagini del sistema di videosorveglianza dell’area di servizio sono inequivocabili – ma all’interno c’erano solo documenti riguardanti un protocollo di intesa che Ilva e Politecnico di Bari stavano per sottoscrivere. 

Vero o falso? Nelle due pagine degli omaggi e delle regalie quei diecimila euro ci sono, ma stranamente manca il destinatario in quanto il 26 marzo vengono rubricati genericamente, e secondo i finanzieri in maniera eloquentemente sospetta, sotto la voce «spese direzione». 
Non è l’unica volta che accade perché anche il 14 aprile del 2011 dalle casse dell’Ilva escono 10mila euro sotto la voce «erogazione direzione». L’interrogatorio del contabile dell’Ilva Francesco Cinieri non risolve il giallo. Cinieri ai finanzieri dice infatti che Archinà non gli disse a chi erano destinati i soldi ma che poteva pensare che, essendo in periodo pasquale, potessero essere consegnati all’arcivescovado di Taranto. «Almeno una volta all’anno davamo all’arcivescovado cifre che non superavano i 5.000 euro», ha sostenuto Cinieri, aggiungendo dubbio ai dubbi, vista l’entità della somma. Archinà, poi, si arrabbiò non poco quando seppe che i contabili dell’Ilva non erano riusciti a trovare banconote di grosso taglio. E appena ebbe i soldi, invece di chiamare in arcivescovado, telefonò a uno stretto collaboratore del professor Liberti, col quale riuscì ad incontrarsi alla stazione di servizio.

Mimmo Mazza da gazzettadelmezzogiorno.it

Lascia un commento