SVOLTA AL COMANDO DEI VIGILI URBANI DI ROMA. E A SAVA, QUANDO AVVERRA’ ?

Ora che sta per  insediarsi il nuovo segretario comunale ci possiamo aspettare una cosa sola, il definitivo riordino degli uffici comunali (punto 8 del programma elettorale). In questi quasi tre mesi abbiamo dato il tempo alla nuova amministrazione di insediarsi; molti dei nuovi amministratori sono alla loro prima esperienza, altri invece, hanno fatto come si suol dire il “salto della quaglia”, sono passati dall’amministrazione Maggi all’amministrazione Iaia, senza passare dal via. Ora che tutti i tasselli sono al loro posto possiamo procedere alla riorganizzazione amministrativa, vero tormento del Comune di Sava e si, mentre i dipendenti dell’Ilva rischiano il posto di lavoro, i nostri dipendenti comunali continuano a rimanere lì, incollati alla loro sedia, contrariamente a quello che, invece, vuole la cittadinanza ovvero la rimozione e lo spostamento ad altri uffici dei vertici di alcuni settori strategici della Casa comunale.
Innumerevoli sono gli Esposti fatti dai cittadini e presentati sia alla stampa, che agli organi istituzionali quali Comune e Ministero della Funzione Pubblica, in merito ai ritardi o inefficienze di alcuni uffici; molte sono le istanze che danno ragione ai cittadini quando si vedono negare i diritti ad avere delle semplici risposte o addirittura non vedersi avviare una pratica importante per il benessere loro e delle loro famiglie o come salvaguardia di un interesse legittimo. Sembrerà strano ma proprio in questi giorni il Comune di Roma, come riportato da alcune testate giornalistiche, ha fatto pulizia ai vertici degli uffici comunali. A seguito di innumerevoli scandali ed inefficienze, tra tutti è stato rimosso proprio il comandante della Polizia Municipale: infatti dopo l’apertura dell’inchiesta sui vigili del centro per le denunce dei fratelli Bernabei o per il caso delle monetine della fontana di Trevi, il Sindaco del Comune di Roma, che già a marzo del 2012 aveva chiesto un cambio di passo agli uffici della Polizia Municipale, si è trovato costretto ad applicare la regola del buon senso, ovvero cambio al vertice! Sempre e soltanto nell’ottica dell’etica e della morale, in quanto l’immagine del Corpo dei vigili urbani di Roma, negli ultimi anni si era deteriorato a causa dell’inefficienza dei suoi operatori ma soprattutto per le innumerevoli denunce fatte dai cittadini. E’ in quest’ottica che ha agito il Sindaco di Roma, rispettando la volontà dei cittadini!
Sarà un caso, ma non si potrebbero applicare le stesse regole anche al Comune di Sava?

Luca Lionetti

Lascia un commento