IL MONDO DI ANTONIO SPADA / 5

Luna, tocca a te

Lu soli n’è babbati tutti,

ti giurnu no si po’ praticari,

alla notti si rimandunu li bueni propositi,

quannu stai la temperatura ideali.

Già, ma la luci ci ndla tai?

Luna, a te srai ca tocca

la tua luci è aiutatu sempri l’innamuratu:

illumina la menti ti cinca cumanna

cu ndi ni leva ti ntra stu pasticciu

ca è statu creatu no sulu pi lu cautu,

ma puru piccé moti così ona stati fatti allu scuru.

Do’ stieri, o luna, quannu questo accadeva?!…

Perciò sempre a tei tocca cu illumini la menti

tli cattivi ca preferiscono lu scuru

per i loro progetti contro l’umanità.

Luna, tocca a tei: nui romantici ni fitamu,

lu soli ti giurnu stai troppu impegnatu

cu scalda la terra e cu riscalda li cuori,

cu prepara l’uva pi settembre

ca puei ni ma spiccia’ ti ‘mbriacari…

Luna, tocca a te.

Il poeta Antonio Spada, con queste parole, volge una critica alla società moderna, ed in particolar modo a coloro i quali si occupano di guidarla, attraverso l’utilizzo di due particolari simboli: il sole e la luna. Il poeta racconta di come questi uomini, che hanno il compito di amministrare la società, lo facciano in modo oscuro e in maniera errata, offuscati da altri interessi e propositi. Egli quindi, rivolgendosi simbolicamente alla luna, le dice che il sole ha sempre fatto dono alla terra ed all’animo umano del suo calore e della sua luce svolgendo in pieno il suo compito. Ora, quindi, le chiede, oltre ad aiutare gli innamorati cullandoli nella sua dolce atmosfera, come ha sempre fatto, di illuminare le menti della classe dirigente per il bene comune.

Alessandra Cuocci

Lascia un commento